Francesco Totti, il nono re di Roma

di

Francesco Totti

Paulo Roberto Falcao venne soprannominato l’ottavo Re di Roma. Francesco Totti potremmo definirlo il nono. Un giocatore che ha deciso di sposare a vita il progetto giallorosso, consapevole che non avrebbe mai alzato quei trofei conquistati giocando in uno dei top club europei che tanto lo hanno corteggiato. Francesco Totti è l’unico che può far compiere alla squadra il salto di qualità che tutti sogniamo.

I numeri sul rendimento della Roma, pre e post infortunio del capitano, parlano chiaro. Con la sfida Roma-Napoli del 16 Ottobre – gara nella quale Totti accusò un risentimento al muscolo flessore della gamba destra – la Roma aveva vinto tutte otto le partite disputate con 22 reti all’attivo e zero subite. Da lì in poi il ruolino di marcia è decisamente cambiato:10 punti in 6 partite e, soprattutto, solamente 5 gol segnati. Francesco Totti è il nostro Messi, senza il quale anche il Barcellona non fa punti.

Il nostro Capitano è – e rimane – un elemento irrinunciabile: senza di lui la squadra giallorossa è più abbordabile, più prevedibile e più avara di soluzioni offensive. Per tutti questi motivi contiamo i giorni che ci separano dalla data del suo rientro. Nonostante il pieno recupero sia vicino, la data più probabile è quella del 16 Dicembre, in occasione della gara esterna con il Milan.

In merito alla partita con l’Atalanta di domenica scorsa abbiamo poco da dire. Un ennesimo pareggio provocato sia da una prestazione scialba per buona parte del match, sia dal primo errore dall’inizio del campionato del nostro portiere, De Sanctis, che dai soliti discutibili errori arbitrali. In questo momento tutto ciò passa in secondo piano, la nostra priorità è rivedere la maglia numero 10 in campo.

Segnala un errore

Agente sportivo, ho trascorso l’infanzia sui gradoni dello stadio Olimpico di Roma. Ora mi diletto, con scarsi risultati , a raccontare le vicende sportive della Magica Roma.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi

Higuain, io sono già fortunato

Perché può arrivare, restare, partire chiunque. Noi siamo nati a Napoli, e chi pensa sia poco dovrebbe pensarci meglio.
Torna su