Festival del viaggio: il cammino scritto nei geni3 min read

6 Giugno 2016 Viaggi -

di -
Radio speaker, viaggiatrice, blogger

Festival del viaggio: il cammino scritto nei geni3 min read

Reading Time: 3 minutes
Festival del Viaggio viaggiatori in cammino
@Festival del Viaggio | Pagina Ufficiale

Provate a immaginare quante volte, nel corso di una sola giornata, vi capita di sentir parlare di viaggi. Andare, partire, tornare, partire di nuovo. La fenomenologia del viaggio è un mondo vasto e incatalogabile. Sogno, desiderio, necessità, vacanza. Le motivazioni che spingono a mettere quattro cose in valigia (o direttamente quattro valigie in macchina) e partire sono pressoché infinite, come può esserlo solo qualcosa di così intimo e personale.

A questo proposito mi vengono in mente le parole di Marguerite Yourcenar:

Sembra esserci nell’uomo, come negli uccelli, un bisogno di migrazione, una vitale necessità di sentirsi altrove.

Sarà per questo che di viaggi si parla e scrive praticamente ogni giorno, eppure in Italia fatta eccezione per alcuni premi, esiste un solo Festival interamente dedicato al viaggio. 
Si tratta, appunto, del Festival del Viaggio.

Il Festival del Viaggio nasce nel 2006 a Pisa, città che di viaggiatori ne ha visti parecchi nel corso della sua storia, e dopo aver girato varie città (Firenze, Arezzo, Venezia, Palermo) trova la sua attuale collocazione a Firenze e Palermo.
 A organizzarlo è la Società Italiana dei Viaggiatori, un’associazione senza fini di lucro fondata con l’obiettivo di diffondere la cultura del viaggio e che vede tra i suoi associati anche nomi illustri come Vinicio Capossela e Philippe Daverio.

Festival del Viaggio
@Festival del Viaggio | Pagina Ufficiale

Nel 2009 il Festival del Viaggio viene premiato al Festival of Festivals Award come “Miglior Festival Emergente” a livello nazionale. 
La formula è chiara: mostre, incontri, presentazioni di libri, passeggiate urbane, documentari, musica, cucina. Un mix di discipline con l’obiettivo di parlare del viaggio e dei viaggiatori attraverso il cammino di ognuno.

C’è un gene che distingue i viaggiatori dagli stanziali

dice Alessandro Agostinelli, fondatore e direttore del Festival. E questo gene esiste davvero. Si chiama DRD4 7r e sarebbe il responsabile della nostra voglia irrefrenabile di fare i bagagli e partire, esplorare, viaggiare.

Proprio al Dott. Agostinelli abbiamo chiesto di raccontarci qualcosa in più sul Festival del Viaggio.

Il Festival del Viaggio nasce prima di tutto dalla passione per il viaggio e dal bisogno di colmare un vuoto: è infatti il primo festival interamente dedicato al tema del viaggio in Italia. Lo scopo è totalmente culturale: educare al viaggio, fare cultura del viaggio e promozione turistica. Per questo il Festival non premia nessuno, non parla solo di grandi viaggiatori e non si occupa esclusivamente dei viaggi impossibili. Al centro ci sono il viaggio e i suoi attori, siano essi grandi viaggiatori, turisti o migranti. In questi anni il Festival è cresciuto molto, lo dimostrano i premi ricevuti e l’interesse delle persone e il nostro obiettivo è di crescere ancora, aprendoci ad altre città italiane ed entrando in contatto con festival di livello internazionale. Il Festival tratta temi affascinanti, come i cammini a piedi dei quali si parla molto negli ultimi anni, e tematiche più serie e di attualità, come il tema delle migrazioni. Indaghiamo le motivazioni che spingono le persone a spostarsi, muoversi, andare alla ricerca dell’altrove.

La manifestazione rappresenta un’occasione di confronto e scambio fra tutti coloro che amano viaggiare, tra chi viaggia per lavoro, necessità, piacere.
Nel 2016 il Festival del Viaggio è giunto alla sua undicesima edizione, che si terrà a Firenze dal 7 al 12 Giugno e a Palermo dall’11 al 17 Giugno.

Qui il programma 2016 del Festival del Viaggio a Firenze

Qui il programma 2016 del Festival del Viaggio a Palermo

Festival del Viaggio 2016 a Firenze e Palermo
@festivaldelviaggio.it

CONDIVIDI

Ama leggere, scrivere, parlare, organizzare. Pedala, cammina, racconta storie, ascolta musica. Event manager freelance e speaker in una delle ultime radio libere italiane. Per Le Nius si occupa della grafica e racconta i suoi viaggi (...e non solo).
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

TORNA
SU