Fenomenologia dello juventino

di
juventini
@_bianconero

In matematica sono sempre stata una capra, ma ho chiesto aiuto a chi ne sa più di me per offrirvi fresco fresco questo calcolo: nel nostro Paese almeno uno, su tre maschi e mezzo, tifa Juventus. Quindi la mia deontologia professionale impone di affrontare subito lo studio di questo spinoso profilo, perché potrebbe capitarvi proprio adesso che, alzando gli occhi dal pc, vi si pari davanti un aitante tifoso bianconero.

Iniziamo col dire che lo juventino si riconosce subito. Bianconeri criptici ce ne sono pochi al mondo e, di norma, si svelano presto per via di quella fastidiosa caratteristica che li accomuna: la superbia. Calcisticamente parlando, lo juventino è altezzoso o al massimo è abbastanza intelligente da nascondere bene la sua altezzosità.

Questo perché lo juventino non si limita a gioire per le vittorie e ad affrontare le sconfitte a testa alta. No. Egli è convinto che la sua squadra sia la più forte in assoluto, quella che gioca meglio e soprattutto l’unica degna di essere tifata. Anche quando perde, anche quando vince senza meritarlo.

Gli juventini – che conosco bene – obietteranno: ma perché, Cinzia cara, non è forse vero che la grande Signora sia la squadra che in Italia ha vinto di più? Questo è certo.  Ma noi di Ragazzetta dello sport non ci lasciamo mica ingannare dalle apparenze e conosciamo bene, caro il mio tifoso juventino, cosa si nasconde dietro quella sicumera.

Non proprio degli originali, gli juventini amano i vincenti, il che per noi donne è solo un bene. Dalla vita di coppia saranno bandite campagne di sensibilizzazione per l’estinzione del Coccodrillo dell’Orinoco o estenuanti raccolte fondi per la tutela del gruppo etnico caucasico degli Abcasi. Un bianconero, poi, non ti porterà mai ad una lectio magistralis sull’avvincente tema: “Ma è proprio vero che Celestino V fosse un incapace?”

Ma noi sappiamo che la loro innegabile tracotanza si lega ad un equivoco di fondo: credono che ci sia un merito nell’amare i vincenti, mentre al massimo c’è merito nel vincere. La presunzione dello juventino nasce dall’idea di aver fatto la scelta vincente e, invece, ha solo fatto quella più facile. Nessun dubbio a riguardo. Dietro quella scelta si nasconde spesso un deficit di sicurezza: il bambino juventino di fronte alla concreta minaccia degli insulti da parte dei compagni, ha scelto la squadra che gliene avrebbe garantiti di meno, e quella che, in caso di sconfitta, gli avrebbe permesso di sparire nascondendosi nella maggioranza.

È in nome di questa concretezza che il bianconero non riesce proprio a concepire la possibilità di tifare per una squadra che sia discontinua come il Milan, tragica come l’Inter, sfigata come il Sassuolo. Dove avrebbe trovato uno juventino il coraggio o l’abnegazione necessari per tifare l’Inter negli anni Novanta o il Milan ultimamente? Da nessuna parte, e questo spiega anche il trauma rappresentato da Calciopoli. Ora il problema è che di tutto questo, loro, non hanno la minima consapevolezza. E io li immagino proprio adesso, mentre leggono e scuotono la testa in segno di disapprovazione.

Ed ecco il mio consiglio, donne alle prese con tifosi juventini: assecondateli. Non sfidate la loro presunzione, perché è uno schermo dietro cui nascondono di essere molto spaventati. Il tremito intimorito che vi sembra di aver intravisto nei loro occhi una notte di mezza estate e che ha attivato in automatico il vostro spirito da crocerossina, esiste, è reale, confermiamocelo una volta per tutte. Ma fate finta di non averlo notato, non squarciate il velo che cela la loro vera natura: tutti hanno il diritto a nascondersi.

(Post scriptum: se state con uno juventino, quel viaggio a Istanbul, beh ecco… andateci con un’amica)

Segnala un errore

I momenti più significativi della mia vita sono stati: quando, a dieci anni, ho interpretato Mary Poppins nel musical Mary Poppins e quando ho indovinato la definizione di integrale agli orali della maturità. Sono insegnante (non di matematica, of course) e ho una particolare predisposizione per i casi umani. Temo che le due cose siano collegate.

7 Comments

  1. Però diciamolo che non sanno contare e che si sono aggiunti una decina si scudetti giusto per fare numero… 😀

  2. A dire il vero nella mia infanzia calcistica ho visto il Milan vincere scudetti e coppe a ripetizioni, il Napoli con il miglior giocatore di sempre e pure l’Inter vincere uno scudetto con Trapattoni, mentre la Juve vinceva al massimo una coppa uefa.

  3. Si capisce che li odi. Solo loro leggendo penserebbero che li stai elogiando. Ed è per questo – anche per questo – che stimo assaje. Ma tremo, per il prossimo articolo.

  4. Cara Ragazzetta, nata nel 1983, in effetti quell’anno lo scudetto fu bianconero,io avevo 4 anni, l’anno dopo il VERONA, poi ancora la Juve, poi Napoli,Milan,Inter,Napoli,Samp, Milan,Milan,Milan, poi dopo ben 8 anni riecco la Juve di Lippi nel 1995. Ecco dimostrato come il “bambino Juventino”, proprio nella fase più delicata dello sviluppo dai 6 ai 14 anni non si sia proprio divertito con i compagni di classe…Detto questo vedo anch’io che siamo considerati i più antipatici d’Italia, ma proprio non riesco a capire il perchè…POST SCRIPTUM: quello di Juliano su Ronaldo non era rigore.Ceccarini fu molto bravo a concedere vantaggio alla Juve essendo quello del Brasiliano fallo di sfondamento sul povero Mark.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi

vox 2 box ep 52

Vox 2 Box – Episodio 52 (2×22): Der Kommissioner

L'episodio numero 52 di Vox 2 Box si tuffa nel mondo delle elezioni FIGC con l'ospite Fulvio Paglialunga, scrittore e giornalista, uno dei maggiori esperti delle dinamiche della politica sportiva in Italia.
Torna su
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: