È vero che siamo un popolo di bamboccioni?

di

età media di uscita di casa

Siamo un popolo di bamboccioni? Sembrerebbe di sì, a guardare, superficialmente, i dati europei. Secondo Eurostat l’età media di uscita di casa dei genitori in Italia è di 30,1 anni.

Età media di uscita di casa: i dati

Questa età media di uscita di casa ci colloca al quarto posto in Europa, preceduti solo da Malta (31,8 anni), Croazia e Slovacchia. La media europea invece è di 26,1 anni e ci sono paesi dove l’età media di uscita di casa è 20,7 anni (Svezia), 21 (Danimarca), 21,9 (Finlandia).

Il dato dell’età media di uscita di casa assume proporzioni particolarmente rilevanti per i maschi, che mediamente vanno a vivere in autonomia a 31,3 anni in Italia, mentre le femmine si distaccano a 29 anni, comunque quattro anni dopo la media europea.

L’età media di uscita di casa è un dato in continua crescita: in Italia si lasciava la casa dei genitori a 29,8 anni nel 2006, e da allora la crescita non si è mai fermata. È un trend che accomuna alcuni paesi europei, ma non si può dire che ci sia una tendenza univoca in Europa.

In particolare, negli ultimi dieci anni (2006 – 2016), l’età media di uscita di casa è cresciuta in 14 paesi, in Europa mediterranea e orientale e nei paesi anglosassoni: Ungheria (+1,6 anni), Irlanda (+1,1), Slovacchia (+1,1), Croazia (+1) e a seguire Portogallo, Regno Unito, Lettonia, Spagna, Bulgaria, Grecia.

Nei paesi baltici e dell’Europa centrale e settentrionale l’età media di uscita di casa è invece diminuita negli ultimi dieci anni, con dati particolarmente rilevanti in Lituania (-3,3 anni!), Lussemburgo (-1,8), Estonia (-1,7) e Slovenia (-1,5).

I trend tendono a ripetersi anche considerando solo gli ultimi tre anni e l’ultimo anno. Rispetto ai dati di medio periodo, solo quattro paesi invertono la tendenza in modo significativo: il Belgio, dove il dato ha cominciato salire dal 2013 interrompendo una tendenza decrescente, e Grecia e Cipro, dove invece l’età media di uscita di casa si sta abbassando.

Va ancora peggio (per l’Italia) se, oltre all’età media di uscita di casa, consideriamo anche i dati su quanti giovani vivono ancora con almeno un genitore (aggiornati al 2015). Ebbene, il 65,4% dei giovani italiani tra i 18 e i 34 anni vive con almeno un genitore. Siamo terzi in Europa dopo Croazia (70,3%) e Slovacchia (67,2%).

La media europea è del 48,1% e i paesi con le più basse percentuali di giovani che vivono con i genitori sono la Danimarca (18,6%), la Finlandia (20,4%), la Svezia (21,5%), la Gran Bretagna (33,7%).

Come vuole l’immaginario collettivo, i maschi tendono più a restare a casa dei genitori (lo fa il 71,8%), mentre le femmine sono più indipendenti (vive in casa il 58,8%). Ma siamo sicuri che sia così? In Italia l’uscita da casa dei genitori coincide spesso con il matrimonio o l’inizio di una convivenza, fase della vita che le donne tendono ad attraversare prima degli uomini. Questo spiega, almeno in buona parte, perché più femmine giovani vivono fuori dalla casa dei genitori.

L’Italia presenta inoltre percentuali in crescita, eravamo ad esempio al 60,9% nel 2004, anche se questa è una caratteristica comune a molti paesi europei. Pensate che in Ungheria la percentuale di giovani che vivono con almeno un genitore è aumentata del 15,3%. Altri paesi con dati in crescita consistente sono Repubblica Ceca, Belgio, Grecia, Portogallo. Il fenomeno interessa anche paesi come la Francia, la Gran Bretagna e l’Olanda.

Tra i pochi paesi in cui la percentuale di giovani che vivono con i genitori è in diminuzione segnaliamo l’Irlanda (-8,5%), l’Estonia (-8,1%), ma anche Slovenia, Germania e Finlandia.

Particolarmente rilevante è la situazione dei giovani tra i 18 e i 24 anni, che nel 92,6% dei casi vivono ancora con almeno un genitore. Solo Malta fa “peggio” di noi in questa fascia di età, mentre la media europea è del 78,9%. Per dire, in Danimarca due giovani su tre sono già fuori casa entro i 24 anni.

I 25-34enni mostrano invece più indipendenza: “solo” 1 su 2 vive ancora con i genitori, anche se comunque la media europea è del 28,9%, e in Danimarca, Svezia e Finlandia sono praticamente tutti già autonomi.

Come si spiegano questi dati?

Come al solito questi dati da soli dicono tutto e dicono niente. Dipendono dalla “cultura mammona” del popolo italico? Dalla mancanza di opportunità lavorative e dunque di reddito sufficiente? Dalle carenze di un sistema di welfare storicamente sbilanciato a favore di bambini e, soprattutto, anziani?

Probabilmente da un mix di queste motivazioni, anche se le ricerche sulla cosiddetta transizione all’età adulta indicano come il fattore economico sia quello più importante. Insomma, se avessero un reddito stabile o delle prospettive di lavoro stabili, la maggior parte dei giovani italiani sarebbe ben disposta a lasciare la casa dei genitori.

Alcune ricerche condotte negli ultimi anni hanno evidenziato come in alcuni paesi europei (quelli anglosassoni e quelli mediterranei, tra cui quindi l’Italia) ci sia una forte correlazione tra possesso di un reddito e autonomia abitativa.

In questi paesi inoltre conta molto la dotazione economica familiare iniziale, che spesso sostituisce o integra il reddito del giovane, con ciò contribuendo alla riproduzione intergenerazionale delle disuguaglianze sociali ed economiche.

Nei paesi del centro-nord Europa invece l’accesso ad un’abitazione indipendente dai genitori è tendenzialmente più democratica, grazie a forme di protezione sociale previste dal sistema di welfare che consentono anche ai giovani privi del reddito necessario, e privi di dotazione familiare, di uscire dalla casa dei propri genitori. Il regime di welfare dei paesi mediterranei affida invece un ruolo determinante alla famiglia.

In conclusione, l’età media di uscita di casa in Italia è molto alta se paragonata a quella del resto d’Europa. La situazione è particolarmente rilevante per i maschi e per la fascia 18-24 anni. L’età media di uscita di casa è più bassa per le femmine, ma questo potrebbe essere legato al fatto che si sposano o entrano in una convivenza prima dei maschi. Le motivazioni di questi dati sembrano essere prevalentemente legate a fattori economici, e alla configurazione delle politiche di welfare. Non si registrano tendenze univoche valide ovunque, negli ultimi anni il dato sembra andare verso una generica stabilizzazione (pensiamo alla media europea, ferma a 26,1 anni dal 2010), anche se con fluttuazioni ancora significative in alcuni paesi.

Età media di uscita di casa: riferimenti bibliografici

Aassve, Arnstein / Billari, Francesco / Mazzuco, Stefano / Ongaro, Fausta (2002) ‘Leaving Home: A comparative Analysis of ECHP Data’, Journal of European Social Policy, 12 (4): 259-276.
Ayllón, Sara (2009) Modelling State Dependence and Feedback Effects Between Poverty, Employment and Parental Home Emancipation Among European Youth, SOEPpaper no. 235, Berlin: German Socio-Economic Panel Study.
Billari, Francesco (2004) ‘Becoming an Adult in Europe: A Macro(/Micro)-Demographic Perspective’, Demographic Research, Special Collection 3, Article 2: 15-44.
Livi Bacci, Massimo (2005) Il Paese dei Giovani Vecchi, IlMulino, vol. LIV, n. 419, 3/2005.
Mendola, Daria / Busetta, Annalisa / Aassve, Arnstein (2008) Poverty Permanence Among European Youth, ISER Working Paper Series no. 2008-04, Colchester: University of Essex Institute for Social & Economic Research.
Moreno, Almudena (2012) ‘The Transition to Adulthood in Spain in a Comparative Perspective: The Incidence of Structural Factors’, Young, 20 (1): 19-48.

Quando ci si sposa in Italia e in Europa?

Quando fanno figli i giovani italiani ed europei?

Immagine | Luis Hernandez

Segnala un errore

Sociologo freelance, lavora come progettista, ricercatore e formatore in ambito sociale (più info qui). Per Le Nius è responsabile editoriale, autore e formatore. Crede nell'amore e ha una vera passione per i treni. fabio@lenius.it

8 Comments

  1. Interessante. Ma come si misura, tecnicamente, l’eta’ di uscita di casa? Dal cambio di residenza? Io, per esempio, ho smesso di vivere coi miei a 23 anni ma ho cambiato residenza solo a 35 (dopo aver cambiato almeno 8 domicili diversi)… Dunque, alzo o abbasso la media?

    • Ottima domanda Stefano. I dati vengono raccolti tramite questionario e poi viene fatta una stima su tutta la popolazione. Ai rispondenti al questionario è richiesto di indicare la propria residenza abituale che di solito, ma non necessariamente, coincide con la residenza anagrafica. Ci sono vari casi, ma la soglia da considerare per classificarsi come residente in un posto o in un altro è un anno. Quindi nel tuo caso saresti stato coi tuoi fino al primo anno di vita da solo. Da lì in poi saresti stato considerato come uscito dalla casa dei genitori. Uso il condizionale perché se non hai compilato il questionario il tuo dato di per sé non esiste, ma è solo il risultato di una proiezione sulla popolazione. Ad ogni modo le proiezioni Eurostat sono considerate piuttosto attendibili.

  2. Questo caso italiano rientra più in generale in tutto il ritardo che esiste nel nostro stile di vita.

    I giovani italiani studiano e lavorano come tutti gli europei, ma accade qualcosa di diverso quando si tratta di formare una famiglia, come priorità cercano la stabilità economica, la nostra cultura ci chiede una sistemazione dignitosa, siamo il paese del mattone e della dolce vita, difficilmente progettiamo una vita di coppia in ristrettezze economiche, senza supporto dei genitori, in balia di lavori flessibili e incerti, piuttosto prolunghiamo il fidanzamento. Probabilmente gli europei sono un po’ più spartani e avventurosi di noi.

    Secondo me il fattore più determinante sul ritardo è l’insicurezza di avere indipendenza economica, per assurdo la pensione dei propri genitori è una sicurezza che consente al paese di tamponare il problema della disoccupazione giovanile, e dell’insufficiente reddito che hanno i giovani per affrontare il costo della vita attuale.

    Questo ritardo è direttamente collegato all’anzianità delle madri italiane, sono le più anziane d’Europa, cioè circa un quarto (non ricordo la percentuale esatta) è madre per la prima volta dopo i 35 anni, e il 7% è ultraquarantenne.

  3. E’ la società che ti permette di fare un passo piuttosto che un altro. Se in Italia l’età media è questa è colpa del sistema; se anche ti trovi male in famiglia, molto, non puoi di fatto andartene. Gli stipendi per i diplomati periti, ma anche per i laureati, per esempio, è quello che è salvo casi particolari. E’ fortunato chi ha un supporto familiare tale da consertigli di formarsi bene e, al tempo opportuno, andarsene veramente. La vita vera non è un film.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi

il ritorno dell'eroina

Il ritorno dell’eroina

Sembrava una questione chiusa. Invece no. L'eroina è tornata prepotentemente sul mercato, dagli Stati Uniti in Europa fino all'Italia.
perché guardare tredici

Perché vale la pena guardare Tredici?

Perché fa male, ma ci può salvare. Perché ci possiamo riconoscere, anche se non siamo noi. Perché l'attrice è bravissima. Perché abbiamo un gran bisogno di guardare la sofferenza dritta negli occhi.
Torna su
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: