Elezioni Europee 2014 chi vincerà? Previsioni e azzardi4 min read

21 Maggio 2014 Europa Politica -

Elezioni Europee 2014 chi vincerà? Previsioni e azzardi4 min read

Reading Time: 4 minutes
Elezioni Europee 2014 chi vincerà? Previsioni e azzardi Azzardiamo un pronostico sulle prossime elezioni europee, con la consapevolezza che sia ardua impresa, anche da appassionati di corse clandestine, prevedere il risultato di una competizione che già si annuncia al fotofinish, soprattutto dopo i risultati sorprendenti delle ultime politiche.

Andiamo a vedere quali sono le soglie sopra e sotto le quali è difficile che le forze in campo si muovano e che segnano il successo o meno di ciascuna forza politica. Partiamo dal basso.

Elezioni Europee 2014 chi vincerà? Previsioni e azzardi

Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l’Europa (ALDE)

Se va bene: 1,8%. L’accozzaglia liberaldemocratica viene fagocitata dal NCD di Alfano, schiacciata fra Forza Italia e Partito Democratico, eclissata come alternativa dal M5S. Il definitivo addio ai Monti.

Se va male: 1,8%. L’unico risultato che mi sento di dare secco, è scritto nelle stelle.

Fratelli d’Italia

Se va bene 4,5 %. Il tramonto di Berlusconi riporta all’ovile il camerata nostalgico, felice di poter rimettere la X sulla fiamma di Alleanza nazionale, la Meloni diventa il nuovo leader della destra destra, Bruno Sacchi potrà finalmente portare in Europa i ragazzi della terza C.

Se va male 3,5%. Vedere lo sbarramento a testa in giù potrebbe significare il definitivo tramonto dell’estrema destra parlamentare in Italia, nuovi e più ficcanti autoritarismi solleticano ormai le fantasie degli Italiani.

L’altra Europa con Tsipras

Se va bene 4,5 %. Le sorti progressive del socialismo in Italia non si fermano alla presidenza della regione Puglia, il miracolo di tenere uniti i 4 intellettuali e i 273 partiti e movimenti della sinistra radicale italiana è riuscito. Viva Marx, viva Lenin, viva T-Si-Pras.

Se va male 3,5%. Le ultime vestigia del tempio altermondialista sono ormai crollate. Nulla poterono i prodi guerrieri federati comandati dal greco Alexis contro le armate congiunte dei Renzian-Grillini. Più che 300, 3%.

Lega Nord

Se va bene 6%. Le camicie verdi riescono a raccogliere nel nord le briciole della valanga antieuropeista concesse loro dall’avanzata pentastellata e qualche voto in fuga dal berlusconismo. Salvini battezza il nuovo corso padano e si lascia definitivamente alle spalle la pesante eredità del Senatùr.

Se va male 3,9%. Anche al Nord il voto di protesta è stato fagocitato da qualcun altro.

Elezioni Europee 2014 chi vincerà? Previsioni e azzardi

Nuovo Centro Destra (NCD)

Se va bene 6%. Angelino si rivela per quel che è, non l’ennesimo yes man berlusconiano ma un astuto democristiano siciliano, buono per tutte le stagioni, pronto a tirare le fila di un centrodestra allo sbando ed ad accogliere l’esodo dei pretoriani di FI in fuga.

Se va male 3,9%. Per uno 0,1 Angelin perse la cappa. Brunetta stappa il suo Chateau Lafite del ’69 accompagnandolo con un Havana più alto di lui.

Forza Italia

Se va bene 20%. Il pressing delle reti Mediaset sulle vecchine è riuscito, lo zoccolo duro si è salvato e grazie all’Italicum potrebbe comunque essere decisivo in caso di ballottaggio, sempre che da qui alle politiche rimanga qualcuno del partito a piede libero.

Se va male 15%. NCD, Lega e FDI hanno rosicchiato l’elettorato di Silvio, Renzi e Grillo gli hanno rubato i sostenitori più smaliziati, anche Dudù è passato con gli Alfaniani, i vecchietti di Cesano Boscone gli ridono in faccia. Antigua, Mosca o Beirut?

Movimento 5 Stelle

Se va bene 32% (o comunque un punto in più di Renzi). #vinciamonoi, marcia su Roma, invasione definitiva delle bacheche facebook di mezz’Italia, processi via Web, Napolitano rinchiuso a Cesano Boscone, rogo di IPad sintonizzati sull’home page di Repubblica. Andrea Scanzi percorre l’intero palinsesto del digitale terrestre, da Porta a Porta a Megacostruzioni, in posa Tardelli ’82.

Se va male 25% (o comunque un punto in meno di Renzi). #vinciamopoi, scherno costante del restante 75% dei votanti (perfino i montiani dell’1,8), logorante lunga marcia verso la prossima data elettorale utile, Mao Tse Tse Tung.

Partito Democratico (PD)

Se va bene 32% (o comunque un punto in più di Grillo). L’indomani tutti renziani, Brunetta avvistato a Eataly, Casaleggio firma il contratto per la gestione del blog di Matteo, Gennaro Migliore si iscrive ai Boy Scout. Si passa da due a mezza Camera da convocare quando il Premier non ha calcetto, Mineo e Civati diventano le uniche due voci critiche verso il renzismo della galassia, oltreché, in virtù delle loro due tessere, la principale opposizione interna al Partito.

Se va male 25% (o comunque un punto in meno di Grillo). D’Alema resuscita come la mummia di Lenin nella famosa puntata dei Simpson. All’interno del Pd si apre una faida che i Balcani in confronto erano Disneyland. Alla fine Gianni Cuperlo viene eletto segretario perché reputato unanimemente come il più adatto a sopportare le sofferenze e gli insulti grillini dei successivi vent’anni di opposizione.

Astensione

Bene o male che vada andranno a votare fra il 50 e il 60% degli Italiani. Il titolo più probabile, per tutte le testate giornalistiche (e di sicuro per quelle che non parteggiano per i vincitori eventuali) sarà “Ha vinto l’astensione”. Qualunque vittoria e qualunque sconfitta, qualunque raggiungimento o meno del quorum non potrà non avere un valore del tutto relativo di fronte ad un paese che rimane a casa e sceglie di non scegliere. Ed è davvero un peccato perché nonostante l’osceno spettacolo messo in scena da tutti gli attori politici dello stivale, come diceva il Poeta, “chissà perché non piove mai quando ci sono le elezioni”.

CONDIVIDI
Fabrizio Pedone

Quest'anno ho fatto il blogger, il copywriter, il cameriere, l'indoratore, il web designer, il dottorando in storia, il carpentiere, il bibliotecario. L'anno prossimo vorrei fare l'astronauta, il rapinatore, il cardiochirurgo, l'apicoltore, il ballerino e il giocatore di poker prof.
7 Commenti
  1. Avatar

    robi71

    I sondaggisottovalutano il movimento 5 stelle, in parte anche perché alcuni non lo dicono, in parte perché è un voto disomogeneo. Vedrete quante belle sorprese!!!!!

    • Avatar

      Fabrizio Pedone

      Non si può dire che non ci siano state sorprese, anche se forse non nel senso che ci aspettavamo.

  2. Avatar

    Davide

    Quando ho letto "rogo di IPad sintonizzati sull’home page di Repubblica", mi son fermato a ridere per 5 minuti. Complimenti! :-)

  3. Avatar

    Magda

    Bravissimo! Il "se va male" di tsipras è una chicca! che sia la volta buona che mi metto a leggere di politica??

  4. Avatar

    Emilia

    L'astensione: sarà pure in relazione con l'età degli elettori. Il paese ha una popolazione prevalentemente non più giovane, con maggiore tendenza a conservare che non a innovare:.Non sono loro che si astegono. Sono i giovani demotivati, che non vedono brillare alcuna luce o che semplicemente "se ne fregano". Tutti i partiti dovrebbeo preoccuparsene...

    • Avatar

      Marcello Dezi

      astensione?? c'è, ma ti faccio notare che l'Italia è il secondo paese dove c'è stata la percentuale più alta di votanti (primo è Malta con 75%) e la media di votanti in tutta Europa è 43%

  5. Avatar

    Marcello Dezi

    Direi che Grillo, Berlusconi e Monti possono andare a nascondersi, e Renzi vince a mani basse!! Ha fatto più lui in 3 mesi di governo che qualsiasi altro primo ministro nello stesso arco di tempo. Non è tantissimo se paragonato ad altri paesi, ma purtroppo con un sistema bicamerale perfetto assurdo che abbiamo, è andato oltre a quello che si poteva sperare di fare. Cambiamo questo e si andrà ancora più veloci! Avanti così!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti alla niusletter e resta aggiornato

TORNA
SU