Digital Bees – Benessere digitale dei giovani adolescenti in rete

di
  • Cos’è una fake news?
  • Come viaggiano le informazioni online?
  • Come faccio a fidarmi della fonte dell’articolo che sto condividendo o del video che sto guardando?
  • Cosa accade ad una foto che ho fatto e che ho condiviso online?
  • Come faccio ad essere certo che i miei contenuti non vengano rubati da nessuno?

Queste sono molte delle domande che ci pongono spesso adulti alle prese con adolescenti nativi digitali o giovani alle prese con la ricerca e condivisione di contenuti sui social network.

Abbiamo iniziato a lavorare offline dal 2014, incontrando le persone in diversi luoghi di aggregazione: scuole, oratori, centri sociali e culturali. Quando ancora Tik Tok non esisteva, e se esisteva si faceva chiamare Musical.ly.

In queste prime attività abbiamo tenuto incontri sul funzionamento dei social network, le fake news e il debunking, il cyberbullismo, la gestione della privacy, la prevenzione dei rischi connessi all’uso improprio della rete, entrando in contatto con centinaia di adolescenti, giovani adulti, insegnanti, educatori e genitori e con le problematiche emergenti sull’uso e manipolazione di dati e informazioni online.

Da questa esperienza diretta con le persone e dalle nostre competenze sulla comunicazione online, nasce il progetto Digital Bees – Benessere digitale dei giovani adolescenti in rete

progetto digital bees - educazione digitale nelle scuole medie

Il progetto Digital Bees di Le Nius

Negli anni abbiamo rilevato diversi elementi critici su cui concentrare interventi educativi e informativi nelle scuole legati alla digital skills education (almeno 4 aree delle 5 aree richieste dal DigCom2.1 framework UE) e su cui vogliamo lavorare per favorire l’acquisizione di strumenti personali per diventare cittadini digitali, consapevoli e sicuri.

Tali elementi critici sono:

  • la scarsa capacità nel valutare la veridicità delle informazioni e nel gestire la loro condivisione, legata sicuramente alla sovrabbondanza mediatica. Ma anche alla mancanza di adeguata comprensione del funzionamento tecnico dei canali di informazione online;
  • la scarsa conoscenza del funzionamento di licenze, copyright e privacy sui social network, con la conseguente perdita o furto di identità, o di contenuti, che talvolta genera episodi di cyberbullismo;
  • un crescente uso degli strumenti digitali senza spirito critico e senza il necessario “spazio” di riflessione per confrontarsi con i propri pari e con figure educative esperte.

Gli strumenti della comunicazione online cambiano in continuazione. Il loro continuo mutare sta influenzando le nostre abitudini, creando nuove forme di analfabetismo e distanze generazionali enormi sulla fruizione della conoscenza e della informazione online, proprio sotto i nostri occhi.

Alla luce di quanto descritto crediamo sia necessario tenersi costantemente aggiornati e intervenire. L’ambito scolastico, a cui è riconosciuto dal MIUR anche il compito di favorire l’acquisizione delle competenze digitali e dell’uso consapevole della rete, ci sembra il più adeguato per farlo.

Abbiamo raccolto tutti questi elementi critici e strutturato il percorso del progetto Digital Bees in tre moduli con lezioni, workshop e attività ludiche, tra algoritmi, motori di ricerca e attività di blogging per viaggiare in rete con 160 studenti di due scuole medie di Milano

Il progetto Digital Bees mira non solo a migliorare la capacità di leggere e scrivere online, di cercare informazioni, di comprendere come funziona l’informazione online, ma anche a riflettere con i partecipanti sulle modalità di stare in rete, prevenendo così spiacevoli inconvenienti e stimolando una educazione reciproca.

Nell’anno accademico 2019-20, il progetto Digital Bees è possibile grazie al finanziamento dell’8×1000 della Chiesa Valdese. 

Se non sai cosa sono le competenze digitali (o digital skills) ti invitiamo a leggere questo articolo ?!

Cosa sono le competenze digitali e perché dobbiamo apprenderle

Digital Bees: a scuola fra aule reali e virtuali

Il primo anno del progetto Digital Bees è stato un anno pieno di lavoro, e molte sorprese.

Siamo passati da aule scolastiche reali, con chiacchiere, esercitazioni e scambi di esperienze face to face con i ragazzi e i loro docenti, a aule virtuali.

A Ottobre 2019 infatti abbiamo regolarmente iniziato con gli incontri in aula in due scuole medie di Milano, la scuola media Istituto Vittoria Colonna e la scuola media Puecher, Istituto Rinnovata Pizzigoni.

educazione digitale giovani adolescenti in rete

digital skills education con il progetto digital bees

Le Nius in aula e Le Nius in aula virtuale.

in aula per parlare di informazione e fake news

Abbiamo lavorato con 8 classi terze, coinvolto in totale più di 300 studenti e studentesse e 15 docenti.

Gli incontri sono stati sempre molto interessanti. Ogni volta che affrontavamo un tema – le fake news, l’educazione in rete, dove finiscono i nostri dati, il progresso – si aprivano dei mondi di riflessione sull’uso che facciamo e che fanno i giovanissimi degli strumenti online, come social media, piattaforme di streaming, app di messaggistica istantanea. E sulle prospettive da cui li approcciamo.

Le Nius a scuola

Una domanda e una riflessione che piace molto ai ragazzi, li interpella in quanto a curiosità e punti di vista nuovi è:

Cosa rimarrebbe della nostra storia se il genere umano scomparisse dal pianeta Terra?

La domanda “che cosa rimarrà di noi” tornava spesso, con collegamenti alla carta scritta, alle pitture rupestri, o a nuovi modi per conservare le nostre tracce: se non scriviamo più sulla pietra in che modo possiamo far arrivare le nostre tracce ai posteri?

Educazione digitale Associazione Le Nius
Più volte nell’arco dell’incontro invitiamo i ragazzi a riflettere sul concetto di memoria, non solo verso il passato ma anche verso il futuro. Questo ci serve per concentrarci su una delle competenze digitali stimolate dall’Ue, la tutela e la preservazione dei dati. 

Educazione digitale Associazione Le Nius

Se su queste domande moltissimi tra i ragazzi incontrati non avevano mai riflettuto, altre volte, invece, erano le prospettive che arrivavano dai ragazzi a sorprenderci. Come quella volta che Francesco ci dice di aver usato Twitch per imparare passo passo a fare un disegno a mano libera o per costruire un vascello. E noi che pensavamo fosse quasi solo una app di gamers!

Oppure come quando I-Ling (nota anche come Sofia) ci racconta timidamente che lei non usa social network ma solo QQ per restare in contatto con i propri parenti e amici e praticare la lingua cinese.

Educazione digitale Associazione Le Nius

Abbiamo svolto la maggior parte degli incontri durante le ore di italiano, inglese e matematica, e con il supporto dei docenti siamo riusciti a collegare il tema dell’incontro al programma e alla materia di studio (fake news storiche, divulgazione scientifica, vocabolario inglese e letture in lingua inglese) con una certa soddisfazione.

Poi è sopraggiunta l’epidemia di Covid-19

Quando le scuole hanno chiuso abbiamo temporaneamente sospeso il progetto Digital Bees e i suoi incontri in aula.
Dopo qualche settimana, però abbiamo ripreso i contatti con i professori e cercato di capire con quale classe potessimo continuare e concludere il percorso iniziato sulla informazione online, le fake news e lo stare in rete.

E così abbiamo continuato con alcuni in modalità virtuale.

a scuola virtuale durante il coronavirus

In fondo, il momento del lockdown è stato il momento giusto per riflettere sul ruolo della informazione nella nostra vita, per confrontarsi sul tema della fake news e il loro ruolo nel condizionamento dei comportamenti sociali. A pochi giorni dall’allarme Coronavirus e l’inizio del lockdown in Italia hanno cominciato a circolare moltissime fake news.

Vi ricordate quella dell’uso della Vitamina C per combattere il Coronavirus da Covid-19?

View this post on Instagram

🔊Tra decaloghi e ammonimenti spuntano valanghe di informazioni, dati aggiornati, e #fakenews sul #coronavirus. Alcune sono palesemente delle bufale. Abbiamo raccolto qui le fake che stanno girando di più e che non hanno nessun fondamento scientifico. 📌 Le istruzioni fondamentali per il contenimento del virus le trovate sul sito della @poliziadistato_officialpage @ministerosalute Su @lenius_it abbiamo scritto un articolo che raccoglie le notizie "quelle importanti" da tenere sott'occhio. Link in BIO 👇👇👇 https://www.lenius.it/notizie-sul-coronavirus/ . Restare a casa oggi è un importante atto di civiltà. . . . . . #iorestoacasa #covid19italia #lenius #controinformazione #societàitaliana #informati #infolenius #coronavirusitalia

A post shared by Le Nius (@lenius_it) on

Ecco, in aula virtuale abbiamo potuto anche riderci analizzando le ultime Fake News legate al Coronavirus, vedendo come si sono diffuse e il loro debunking. Per i ragazzi, la fakenews che hanno girato attorno al tema del Coronavirus, come quella della Vitamina C, sono state un esempio concreto per riflettere sulla disinformazione e manipolazione legata anche alle innovazioni tecnologiche e scientifiche.

a scuola virtuale durante il coronavirus

Quello della fake news sulla Vitamina C è stato il primo esempio che gli è venuto in mente durante le lezioni virtuali. Esempio che i ragazzi hanno vissuto loro stessi in questo periodo, visto circolare sulle bacheche Instagram e nei loro gruppi Whatsapp.

Durante gli incontri, i giovani adolescenti ci hanno raccontato le loro passioni legate ai social network, il loro modo di informarsi online e offline, i segreti di Twitch (nota piattaforma di streaming) o di altre app che non conoscevamo.

Noi gli abbiamo raccontato come funziona un sito, come funzionano e perché funzionano le fake news, gli abbiamo spiegato alcuni elementi tecnici sul funzionamento dei social network, sul perché vedono alcuni post e video nelle loro bacheche invece che altri, e su come comportarsi per capire meglio la fonte delle informazioni: real o fake?

Abbiamo iniziato pensando che con l’anno accademico 2019-20, a giugno avremo finito il numero di lezioni previste. Mai ci saremo aspettati di finire l’anno accademico con incontri virtuali. E di darci appuntamento a settembre per continuare questo percorso.

Digital Bees è un progetto finanziato con i fondi dell’Otto per Mille della Chiesa Valdese che si concluderà a dicembre 2020. Riprenderemo le lezioni con l’inizio del prossimo anno accademico, a settembre 2020.

Segnala un errore

Antropologa e progettista, a Le Nius è coordinatrice, formatrice e social media manager. Studia il ruolo dei patrimoni culturali per lo sviluppo sostenibile, si interessa di antropologia dei media, è consulente per il terzo settore. info@lenius.it

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi

futuro europa

Che fine farà l’Europa?

Siamo nel mezzo di una fase epocale, che può segnare il destino dell’Europa: o un rilancio del progetto europeo o un suo tracollo. I risultati di una nostra discussione con alcuni esperti.
Torna su