Digital Bees – Benessere digitale dei giovani adolescenti in rete

di
  • Cos’è una fake news?
  • Come viaggiano le informazioni online?
  • Come faccio a fidarmi della fonte dell’articolo che sto condividendo o del video che sto guardando?
  • Cosa accade ad una foto che ho fatto e che ho condiviso online?
  • Come faccio ad essere certo che i miei contenuti non vengano rubati da nessuno?

Queste sono molte delle domande che ci pongono spesso adulti alle prese con adolescenti nativi digitali o giovani alle prese con la ricerca e condivisione di contenuti sui social network.

Abbiamo iniziato a lavorare offline dal 2014, incontrando le persone in diversi luoghi di aggregazione: scuole, oratori, centri sociali e culturali. Quando ancora Tik Tok non esisteva, e se esisteva si faceva chiamare Musical.ly.

In queste prime attività abbiamo tenuto incontri sul funzionamento dei social network, le fake news e il debunking, il cyberbullismo, la gestione della privacy, la prevenzione dei rischi connessi all’uso improprio della rete, entrando in contatto con centinaia di adolescenti, giovani adulti, insegnanti, educatori e genitori e con le problematiche emergenti sull’uso e manipolazione di dati e informazioni online.

Da questa esperienza diretta con le persone e dalle nostre competenze sulla comunicazione online, nasce il progetto Digital Bees – Benessere digitale dei giovani adolescenti in rete

progetto digital bees - educazione digitale nelle scuole medie

Il progetto Digital Bees di Le Nius

Negli anni abbiamo rilevato diversi elementi critici su cui concentrare interventi educativi e informativi nelle scuole legati alla digital skills education (almeno 4 aree delle 5 aree richieste dal DigCom2.1 framework UE) e su cui vogliamo lavorare per favorire l’acquisizione di strumenti personali per diventare cittadini digitali, consapevoli e sicuri.

Tali elementi critici sono:

  • la scarsa capacità nel valutare la veridicità delle informazioni e nel gestire la loro condivisione, legata sicuramente alla sovrabbondanza mediatica. Ma anche alla mancanza di adeguata comprensione del funzionamento tecnico dei canali di informazione online;
  • la scarsa conoscenza del funzionamento di licenze, copyright e privacy sui social network, con la conseguente perdita o furto di identità, o di contenuti, che talvolta genera episodi di cyberbullismo;
  • un crescente uso degli strumenti digitali senza spirito critico e senza il necessario “spazio” di riflessione per confrontarsi con i propri pari e con figure educative esperte.

Gli strumenti della comunicazione online cambiano in continuazione. Il loro continuo mutare sta influenzando le nostre abitudini, creando nuove forme di analfabetismo e distanze generazionali enormi sulla fruizione della conoscenza e della informazione online, proprio sotto i nostri occhi.

Alla luce di quanto descritto crediamo sia necessario tenersi costantemente aggiornati e intervenire. L’ambito scolastico, a cui è riconosciuto dal MIUR anche il compito di favorire l’acquisizione delle competenze digitali e dell’uso consapevole della rete, ci sembra il più adeguato per farlo.

Abbiamo raccolto tutti questi elementi critici e strutturato il percorso del progetto Digital Bees in tre moduli con lezioni, workshop e attività ludiche, tra algoritmi, motori di ricerca e attività di blogging per viaggiare in rete con 160 studenti di due scuole medie di Milano

Il progetto Digital Bees mira non solo a migliorare la capacità di leggere e scrivere online, di cercare informazioni, di comprendere come funziona l’informazione online, ma anche a riflettere con i partecipanti sulle modalità di stare in rete, prevenendo così spiacevoli inconvenienti e stimolando una educazione reciproca.

Nell’anno accademico 2019-20, il progetto Digital Bees è possibile grazie al finanziamento dell’8×1000 della Chiesa Valdese. 

Se non sai cosa sono le competenze digitali (o digital skills) ti invitiamo a leggere questo articolo 👇!

Cosa sono le competenze digitali e perché dobbiamo apprenderle

Abbiamo appena iniziato con gli incontri in aula del progetto Digital Bees e siamo entusiasti di poter condividere questo percorso anche con i nostri lettori!

educazione digitale giovani adolescenti in rete

digital skills education con il progetto digital bees

 

Vi terremo aggiornati Digital Bees è appena iniziato e si concluderà a fine anno scolastico 2019-20.

Segnala un errore

Antropologa e progettista, a Le Nius è coordinatrice, formatrice e social media manager. Studia il ruolo dei patrimoni culturali per lo sviluppo sostenibile, si interessa di antropologia dei media, è consulente per il terzo settore. info@lenius.it

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi

Cosa facciamo Le Nius informazione

Cose che cambiano a Le Nius

Il post in cui condividiamo le nuove linee che sono alla base di ciò che proponiamo su Le Nius: ci occupiamo soprattutto di temi sociali e vogliamo farlo con la partecipazione dei nostri lettori e lettrici.
posti più inaccessibili del mondo

I 10 posti più inaccessibili al mondo

I posti più inaccessibili al mondo suggeriti per noi dai ragazzi delle terze medie dell’Istituto Vittoria Colonna. Dalla Fossa delle Marianne all'Area 51!
6-giochi-che-non-deludono

6 videogiochi che non deludono le attese

Ci sono videogiochi che appassionano per pochi giorni e altri con delle buone idee ma male sviluppate. E poi ci sono questi 6 giochi cui continuiamo a giocare dopo settimane, mesi. Anni.

I 5 posti più particolari di Milano

I posti più particolari di Milano suggeriti per noi dai ragazzi delle terze medie dell'Istituto Vittoria Colonna. Conoscete già le case a forma di fungo?

I 5 posti più trendy di Milano

I posti più trendy di Milano suggeriti per noi dai ragazzi delle terze medie dell'Istituto Vittoria Colonna. Vi va una passeggiata sui tetti della città?
Torna su