Cuffie di design: cinque tipi per ogni esigenza

di
@Visual Hunt

Appena l’anno scorso la Apple lanciava il suo iPhone privo di ingresso jack per le cuffie, creando lo scompiglio nel mondo della tecnologia ed aprendo la strada a catastrofiche supposizioni sulla fine prematura di cuffie ed auricolari. In realtà, nessuna scelta estetica o funzionale di alcun produttore di dispositivi di intrattenimento potrà mai essere abbastanza potente da eliminare un prodotto fondamentale, non solo per l’attaccamento emotivo legato ai tanti anni dalla sua introduzione, ma anche e soprattutto per le emozioni che è in grado di trasmettere.

Le cuffie sono lo strumento che trasforma un semplice suono in qualcosa di personale e profondo. La voce all’altro capo del telefono del nostro amico o famigliare, grazie alle cuffie, trasporta quella persona accanto a noi, dentro di noi. Parole e melodie di una canzone si trasferiscono nella nostra mente, nel nostro cuore, immergendoci in una dimensione individuale, intima, rendendo noi stessi la musica che ascoltiamo. Gli effetti sonori di un film o di un videogioco trasmessi attraverso le cuffie riescono a farci immergere nell’atmosfera come nessun sistema di audio in surround riesce a fare.

È naturale e prevedibile che, considerata la loro importanza, la loro natura di oggetto personale che per taluni può rappresentare un’importante via di evasione dalla quotidianità, anche le cuffie ricevano da parte dei loro produttori attenzioni particolari. Non più semplici strumenti con la funzione di trasmettere segnali digitali, ma oggetti curati nei minimi dettagli sia a livello tecnologico, che a livello di design. Cuffie intese come vero e proprio oggetto di culto, con cui esprimere la propria personalità e da scegliere in base alle proprie personali necessità.

Cuffie dall’aspetto futuristico, dalle linee minimal, oppure realizzate in materiali particolari come il legno, la pelle, il tessuto. Cuffie minuscole che spariscono nell’orecchio, che ci si appigliano, o che al contrario lo avvolgono e diventano l’elemento predominante intorno al volto, quasi un capo di abbigliamento. Cuffie con controlli digitali, addirittura touch, o con levette ben visibili e un aspetto vintage. Cuffie capaci di trasmettere i suoni con precisione e nitidezza e nello stesso tempo di divertire, emozionare, stupire, raccontare grazie ad abbinamenti di colori, forme e materiali diversi.

cuffie di design
@Visual Hunt

Un tipo di cuffia per ogni esigenza. E tante situazioni che esigono, o per lo meno prediligono, il loro utilizzo. Vediamone cinque.

Cuffie per fare sport

Una delle situazioni principali in cui si utilizzano le cuffie, specialmente nella loro forma di auricolari, è quella dell’attività fisica. Che si tratti della lezione in palestra, dell’ora dedicata al jogging o del giro in bicicletta, le cuffie migliorano il nostro rendimento. La musica ci dà la carica, ci aiuta a determinare il ritmo e a mantenerlo, ci distoglie dalla fatica trasportandoci oltre ciò che stiamo effettivamente facendo e rendendolo un momento di relax e solitudine positiva, costruttiva.

Cuffie per vedere film

Le cuffie da televisore, specialmente nella loro comoda variante wireless e avvolgente, sono uno strumento ottimale per guardare film. Nelle situazioni in cui non si possiede un impianto di casse con effetto surround, o nel caso non si possa utilizzarlo – vicini di casa che non amano essere disturbati, genitori, coniugi o figli che stanno dormendo, e mille altri motivi – le cuffie permettono un’immersione totale. Grazie all’effetto stereo e, in alcuni casi, anche alla simulazione di un vero e proprio sonoro a 360°, le migliori sparatorie dei film d’azione e le toccanti sequenze di dialogo in una commedia romantica ci vedono come diretti protagonisti.

Cuffie per evadere

La vita di tutti i giorni, qualunque sia la nostra situazione personale – single, sposati o con figli, lavoratori o disoccupati, e così via – sa trasformarsi spesso in una giostra da cui sembra impossibile scendere, un treno ad alta velocità che non ferma a nessuna stazione. Ebbene, la musica, molto più di tante altre forme di evasione, è un mezzo con cui possiamo prenderci un momento di pausa, richiuderci in noi stessi, vibrare in sintonia con le emozioni più profonde della nostra anima e ora “depurarci” dalla negatività, ora ritrovare la pace con il mondo o l’energia per affrontare esperienze difficili, ora sbollire la rabbia, a seconda delle occasioni. Grazie a un buon paio di cuffie questa stessa musica può passare dall’ambiente intorno a noi a quello dentro di noi, diffondendosi come un medicinale, prendendo possesso di tutto ciò che siamo ed espletando la sua funzione nel modo più intenso ed efficace che si possa desiderare.

Cuffie per videogiocare

Gli amanti dei videogiochi, molto più di quelli dei film, sanno bene quanto sia importante il coinvolgimento mentre ci si dedica ad un titolo particolarmente strutturato. Gli stessi sviluppatori pongono grande attenzione alla realizzazione delle colonne sonore, oltre che degli effetti audio nudi e crudi, reclutando spesso compositori ed orchestre per gli accompagnamenti alle scene più toccanti. Una buona trama, accompagnata da un’adeguata base musicale e da effetti realistici, può portare l’esperienza videoludica ad un livello di godibilità nettamente superiore. Ecco perché i giocatori, in particolare quelli su PC, sono inseparabili da un buon set di cuffie, uno degli strumenti chiave, addirittura appena dopo mouse e tastiera.

Cuffie per distinguersi

Che si tratti di usarle per telefonare, ascoltare musica mentre si passeggia in città o si viaggia in metropolitana, o anche solo per indossarle come si farebbe con una cravatta, un foulard o un cappello, le cuffie possono diventare anche un mezzo per completarci, esprimere noi stessi, trasmettere agli altri ciò che siamo. Per questo aspetto in particolare risultano fondamentali le innovazioni in tema di design che riguardano questo tipo di prodotto: così come esistono una cura e una ricerca nel vestiario, nelle calzature, negli accessori che indossiamo, anche un compagno di viaggio come un set di cuffie merita attenzione e una variabilità tale da poter diventare l’oggetto che ci rende unici e che parla di noi.

Segnala un errore

Classe '85, divido il tempo tra la moglie e i tre figli e le più svariate passioni. Amo la lettura, la scrittura (ho pubblicato cinque romanzi) ed i videogiochi, non disprezzo fumetti, calcio, cinema e cucina. Eterno bambino, amo la vita e credo che sia troppo breve per non interessarsi a... tutto!

Commenta