Cosa fare a Barcellona d’estate: 10 idee per la bella stagione

di

1. Cosa fare a Barcellona d’estate: i migliori Festival

cosa-fare-a-barcellona-estate
@SONAR.ES

Come non iniziare la lista delle 10 cose da fare a Barcellona in estate senza parlare dei suoi festival? Impossibile, perché rappresentano la più intensa, più famosa e più divertente attrazione che accomuna abitanti e turisti. C’è addirittura chi prenota le vacanze solo per andare a questi eventi, comprando i biglietti mesi prima.

A Barcellona ci sono festival di musica elettronica che non hanno nulla da invidiare al Tomorrowland ed eventi musicali degni della playlist di Spotify di un vero intenditore… però dal vivo. Alcuni sono puntuali, altri si ripetono per tutta l’estate. Ecco alcuni degli eventi davvero imperdibili.

Sonar: Ne avrete sentito parlare sicuramente, dal momento che è il festival di musica elettronica più famoso di Barcellona, e uno dei più famosi in Europa. Sono tre giorni di musica non stop, dove suonano nomi noti e artisti emergenti, che fanno ballare con note stridenti e avvolgenti migliaia di visitatori. Molti spagnoli, ma anche francesi, inglesi e tedeschi, ottimi intenditori di musica elettronica. Nel 2017 il Sonar si è svolto dal 15 al 17 giugno, ma Barcellona già si prepara alla prossima edizione, che l’anno prossimo arriverà a quota 25.

Cruilla Summer Festival: Dal 7 al 9 luglio Barcellona è la sede di un altro grande evento musicale, sponsorizzato da Estrella Damn, che la rende capitale internazionale della buona musica. Quest’anno al Cruilla presenziano artisti del calibro di Jamiroquai, The Prodigy, The Lumineers, Youssou Ndour, Pet Shop Boys, i cui concerti saranno seguiti da dj set che terranno i visitatori svegli fino alle prime luci dell’alba.

Barcelona Beach Festival: Una sola data, una sola imperdibile notte! Sabato 16 luglio, sulla spiaggia artificiale di Sant Andreu del Besós, appena fuori Barcellona, suoneranno dj di fama mondiale come Martin Garrix, Axwell & Ingrosso, Armin Van Buuren e Hardwell, infiammando la notte barcellonese e togliendo il sonno agli abitanti del quartiere. Fate ancora in tempo a prendere i biglietti!

Festival Jardín de Pedralbes: Altrimenti detto Festival de la Musica de Barcelona, propone sonorità più calde e dolci, lasciando da parte la dura e prorompente musica elettronica, per dare spazio ad artisti dalla voce sinuosa e tonalità da ballata romantica. Il Festival di Pedralbes trova spazio nell’omonimo parco situato alle porte della città ed è un gruppo nutrito di concerti che si articolano dal 5 giugno al 14 luglio. Vi si esibiscono nomi noti come Ludovico Einaudi, Jarabe de Palo, Sting, Noa e Passion Vega, Tony Bennet, Belle and Sebastian. Se siete amanti della buona musica è l’evento che fa per voi.

Brunch Eletronik: L’evento si ripete ogni domenica dal 2 luglio al 17 settembre, e quest’anno si tiene nella Plaza Mayor de Poble Espanyol, vicino plaza de España. Si tratta di una altro festival elettronico, ma stavolta family friendly. Non è raro, infatti, vedere famiglie con bambini, con gli adulti che si intrattengono con il tunz tunz della musica, mentre i piccoli giocano in piccoli parchi giochi montati apposta per loro. Attorno all’arena danzante sorgono bancarelle e bar, dove è possibile gustare piatti catalani, messicani o americani. E ovviamente dell’ottima e rinfrescante birra!

Segnala un errore

Italianissima, cresciuta all’ombra degli ulivi di Puglia, vivo e lavoro a Barcellona. Mi ritengo una viaggiatrice nata, una che ha sempre la valigia pronta per una nuova partenza. Ho fatto miei i versi di un poeta persiano e me li sono impressi sulla pelle: «La vita è un viaggio, chi viaggia vive due volte». Di viaggiare non smetto mai, perché tra un aereo e un treno, ho sempre un libro sul comodino.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi

consumo di suolo

Consumo di suolo in Italia | Dati, motivi e conseguenze

Dagli anni settanta ad oggi in Italia si sono persi 5 milioni di ettari di terreni agricoli, prati e pascoli per costruire infrastrutture e allargare le città. Con quali conseguenze dal punto di vista ambientale e sociale?
Torna su