Cocktail di scampi con avocado3 min read

25 Luglio 2016 Cucina -

di -
antropologa e comunicatrice

Cocktail di scampi con avocado3 min read

Reading Time: 3 minutes
cocktail di scampi ricetta raffinata
@ InterContinental Hong Kong

Il cocktail di scampi è una preparazione che appartiene alla cucina di classe. Si tratta di una insalata da antipasto, spesso servita in coppe, molto saziante e la cui salsa di base, nella ricetta originale, è preparata con lo yogurt e maionese. La versione che vi proponiamo oggi prevede invece la preparazione di un cocktail di scampi con avocado, quest’ultimo sostituirà la maionese.
cocktail di scampi con avocado

Chi di voi non ha mangiato almeno una volta il cocktail di gamberetti?

La versione originale del cocktail di gamberetti è quella con gli scampi (più costosi e saporiti), da cui poi provengono le varie semplificazioni. La ricetta deve la sua fama forse alla semplicità di preparazione e al gusto intatto che lascia ai crostacei. Il cocktail di scampi con avocado è un piatto molto seducente che già in termini visivi è invitante, grazie ai contrasti tenui dell’arancio e verde. Inoltre, l’avocado con il suo gusto burroso sposa benissimo con i crostacei e questo frutto (o meglio bacca) possiede delle buone proprietà nutrizionali e grassi buoni di cui abbiamo ampliamente parlato anche qui. La ricetta del cocktail di scampi preparata con la crema di avocado invece della maionese a base di uova è sicuramente più leggera.

Si possono preparare molte varianti di questa ricetta, anche con altra frutta esotica come il mango o la papaya. L’avocado o la papaya infatti stimolano la digestione dei crostacei e il transito intestinale, lasciandoci più leggeri pur non rinunciando a tutto il gusto di questa ricetta.

Vi suggeriamo di servire il cocktail di scampi con avocado in piccoli bicchierini da finger food. Le dosi che troverete nella ricetta seguente possono essere sufficienti per circa 16 bicchierini o coppette da finger food.

Cocktail di scampi con avocado

Dosi per 8 persone in coppe medie

  • 600 g di polpa di astice o aragostella (opzionale, sostituirla con i gamberi o altre polpe di crostacei che reperirete più facilmente; attenzione a non prendere quelle conservate sotto aceto che rischieranno di alterare il sapore finale) cotta al vapore
  • 400 g di scampi sgusciati e cotti al vapore
  • 6-8 Scampi con il guscio per decorare cotti al vapore
  • 2 avocadi maturi
  • un po’ di olio extra vergine di oliva
  • 1 cipollotto fresco
  • Prezzemolo fresco
  • 1 Cucchiaino di paprika
  • Sale integrale q.b.
  • 2 Lime o 1 limone biologico
  • 1 Cespo di Lattuga fresca

 

1. Cuocete al vapore separatamente gli scampi (sia sgusciati che interi) e la polpa di astice o aragosta per per qualche minuto. Poi unitele e sminuzzatele. Ricordatevi di lasciare a parte qualche scampo per decorare a seconda del numero di coppe di cocktail finale.

2. Con i due avocadi maturi preparate la salsa su cui poi adagiare i vostri scampi. Sbucciate gli avocadi e privarli del nocciolo centrale. Frullate la polpa nel mixer aggiungendo il succo di un lime, sale e pepe e un pizzico di olio extra vergine. Oppure se preferite potete lasciare l’avocado in piccoli pezzi e condirlo con gli stessi ingredienti. Aggiungere il cipollotto mondato e tagliato a pezzetti.

3. Incorporate alla salsa di avocado della paprika e infine il prezzemolo fresco tritato. Versate il composto sulla polpa di scampi e astice cotta e ben sminuzzata e condite bene il tutto.

4. Preparate le coppe singole o un’unica coppa per servire il cocktail con un fondo di lattuga precedentemente lavata e tagliata sottilissima. Versatevi il composto di salsa cocktail e scampi. Decorate la coppa con gli scampi interi o se preferite rimuovete la testa dagli scampi e decorate solo con le code non sgusciate e qualche fettina di limone.

Buon cocktail !

CONDIVIDI

Antropologa e progettista, per Le Nius è project manager, content manager e formatrice. Nella vita studia e comunica progetti di cooperazione, in particolare progetti di sviluppo che fanno leva sui patrimoni culturali. Si interessa di antropologia dei media, è consulente per il terzo settore. info@lenius.it
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

TORNA
SU