Chi vincerà lo scudetto 2014/2015 e altre sorprese della Serie A

di

Chi vincerà lo scudetto 2014/2015

Chi vincerà lo scudetto 2014/2015

Il campionato italiano tende già, dopo 3 sole giornate, ad avere una sua identità. Roma e Juventus sono una certezza e la sensazione è che guarderanno dall’alto al basso le altre a lungo tempo. Certo, qualche squadra potrà inserirsi per un po’ tra le due (uniche) grandi del calcio italiano, ma la lotta vera sarà a due. E vincerà la Juve.

Dopo il mediocre campionato dell’anno scorso, che avevamo raccontato non senza un po’ di rancore, la stagione che è appena cominciata potrebbe regalarci qualche spunto interessante e inatteso. Ora, noi non abbiamo la capacità di prevedere come potranno andare le cose, ma l’idea è, per una volta, quella di provare ad anticipare le probabili sorprese del campionato.

L’ultima volta che ci abbiamo provato, proprio su questa rubrica, si parlava delle possibili squadre che avrebbero potuto far strada nei play-off Nba. E ovviamente la finale fu la scontatissima San Antonio-Miami.

Serie A: sorprese, delusioni e rivelazione del campionato

Andando oltre, ecco una lista di cinque cose che possono accadere in questo campionato:

1) Le milanesi che lottano per un posto in Champions League. Appurato che i primi due posti sono inarrivabili, le milanesi sono senza dubbio tra le maggiori candidate a salire sul podio della Serie A. La sorpresa sarebbe vederle lottare tra loro, come ormai non capita da tempo. Va considerato però che dopo il nostro pezzo in cui si parlava della possibilità di un derby divertente, le due squadre di Milano ci hanno regalato prestazioni degne di una squadra allenata da Gigi De Canio. Ecco, magari il prossimo derby non sarà bello come quello del 1949, ma la nuova Serie A potrebbe arricchirsi di un nuovo testa a testa tra rossoneri e nerazzurri. E in tempi di crisi del calcio italiano sarebbe già parecchio.

2) La Sampdoria. Avete presente quella squadra che spunta dal nulla, fa una bella stagione ed arriva in Europa togliendo spazio a quelle che erano considerate “grandi”? Ecco, la Samp può essere quella squadra. Ha un nuovo presidente tanto pazzo quanto ambizioso, un allenatore tra i più validi in circolazione e una rosa che può crescere con l’andare della stagione così come è già sensibilmente migliorata rispetto all’anno scorso. Genoani potete esultare, la nostra sorpresa dell’anno è la Sampdoria.

3) La grande che delude. Ce n’è sempre una e a giudicare da come è iniziato l’anno il Napoli sembra la maggiore indiziata a un campionato anonimo con il serio rischio di finire fuori dall’Europa. Quando Benitez perde le redini di una squadra, questa tende a trascinarsi. La svolta potrebbe essere cambiare allenatore: il Napoli ha comunque una rosa in grado di fare un campionato di alta classifica.

4) Daniele Rugani. È un difensore che gioca nell’Empoli, italiano, sembra forte e come molti giovani di talento è già di proprietà della Juve. C’è la seria possibilità che si torni ad avere un difensore di livello anche in nazionale. Gli ultimi nomi buoni, anch’essi arrivati da una buona stagione in Serie B, erano Ranocchia e Bonucci. L’idea è che Rugani possa fare meglio di entrambi.

5) Il Torino. Sottotitolo “Qui ci scappa il morto”. La qualificazione all’Europa League seguita dalla vendita della coppia dei sogni Immobile-Cerci può avere un clamoroso effetto boomerang sui granata. Lo scorso anno Ventura ha ottenuto il massimo dai suoi uomini, valorizzando giovani di talento come Darmian ed El Kaddouri, oltre ai due di sopra. Il mercato ha puntato sull’usato ma non tanto sicuro, visto l’andamento alternante dei Nocerino, Amauri, Quagliarella. La squadra potrà reggere le due competizioni? Andare avanti in EL metterà a rischio l’andamento in campionato? Pensare a un Toro che lotta per salvarsi, oggi come oggi, non sembra un’utopia.

Questi erano i cinque punti, la sintesi è sempre la solita: puntate due euro sul Toro campione d’Italia.

Segnala un errore

Statistico atipico, ha curato la sezione Sport e amministrato i profili social di Le Nius. Formatore nei corsi di scrittura per il web e comunicazione social, ha fondato e conduce il podcast sul calcio Vox2Box e fa SEO a Storeis. Una volta ha intervistato Ruud Gullit, ma forse lui non si ricorda.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi

Cosa facciamo Le Nius informazione

Cose che cambiano a Le Nius

Il post in cui condividiamo le nuove linee che sono alla base di ciò che proponiamo su Le Nius: ci occupiamo soprattutto di temi sociali e vogliamo farlo con la partecipazione dei nostri lettori e lettrici.
vox 2 box ep 52

Vox 2 Box – Episodio 52 (2×22): Der Kommissioner

L'episodio numero 52 di Vox 2 Box si tuffa nel mondo delle elezioni FIGC con l'ospite Fulvio Paglialunga, scrittore e giornalista, uno dei maggiori esperti delle dinamiche della politica sportiva in Italia.
Torna su