15 canzoni tristi per cuori infranti9 min read

16 Gennaio 2016 Cultura -

15 canzoni tristi per cuori infranti9 min read

Reading Time: 6 minutes

Siamo un blog collettivo indipendente e autofinanziato, crediamo fortemente in una comunicazione accurata e aperta, che diventi strumento di relazione con chi, come te, viene a trovarci per informarsi. Siamo una comunità di persone che crede di poter lavorare positivamente per questa società, per tutti noi: per questo se hai voglia di partecipare (www.lenius.it/collabora-con-noi/), di sostenerci con una piccola donazione (www.lenius.it/sostienici) o anche solo di condividere il nostro lavoro sui social o tra i tuoi amici ti ringraziamo. Buona lettura!

canzoni tristiOra che le feste sono finite, ora che per le strade sono sparite tutte le lucine colorate ed è tornata prepotentemente la nebbia, ora che ricominciano gli esami, non ci sono più scuse: possiamo finalmente tornare ad essere tristi, brancolare nel buio e soffrire.

Io, per esempio, quasi non so da dove cominciare. Ma mi è d’ispirazione Adele.

Prevedibilmente, se abitate questo pianeta, vi sarà capitato almeno una volta di ascoltare il suo nuovo singolo Hello: storia di un amore finito male (malissimo) e del suo angosciante tentativo di recuperare il rapporto con l’ex fidanzato che ha abbandonato tempo prima. Così, Adele decide di chiamarlo a casa e mica una volta sola: all’incirca a thousand times. Lui, però, proprio non ne vuole sapere di rispondere e, di conseguenza, Adele è tristissima.

E a voi tocca deprimervi con lei, soprattutto perché questo pezzo è inflazionato al limite massimo umanamente consentito: il numero di visualizzazioni su Youtube, per esempio, ha così tante cifre che non saprei neanche attribuirlo a un determinato ordine di grandezza o, che so, leggerlo. E ad ogni visualizzazione su Youtube corrisponde un pianto di disperazione per sensi di colpa, zitellonaggine e rotture fresche fresche.

Perché se l’amore è reputato assolutamente il sentimento più profondo, puro e pregiato a cui ambire, è anche vero che ogni essere umano che abbia quantomeno superato i dieci anni sa che altro non è che un disturbo dell’intelletto, una malattia, un morbo crudele a cui nessuno è immune. Mai.

E non si sfugge nemmeno al venire indecorosamente scaricati almeno una volta: mollarsi è una tappa fondamentale e imprescindibile per tutti noi esseri umani (esclusi, forse, quelli un po’ più apatici, ottusi per natura e monogami per comodità, decisi a passare il resto della propria vita insieme alla fidanzatina conquistata con una Goleador alla frutta in prima elementare).

E di questa piaga dell’universo, Adele ci campa.

Però, cari miei cuori infranti e doloranti, volevo dirvi che ne esistono tantissime canzoni più belle con cui potete struggervi e affogare nell’angoscia e nella mancanza di qualche stronzo/a che non vi vuole più.
Così ci faccio una playlist, che tanto per ammore ci siamo sentiti tutti un pochetto tristi no?

PS: la mia comprovata esperienza in cuori infranti mi suggerisce un indefinito numero di brani, tantissimi brani che potrei proporre. Mentre, con fatica, li scelgo per voi, immaginatemi come Bridget Jones: spalmata sul divano con un pigiama imbarazzante, i capelli arruffati e un bicchiere di vino, che canto a squarciagola All by my self.

https://www.youtube.com/watch?v=SGwamNcqhPA

Ah, ricordatevi che queste canzoni tristi non vi faranno stare meglio. Anzi: vi faranno stare peggio.

15 canzoni tristi per cuori infranti: la playlist

1. Goodbye Kiss – Kasabian

Estate 2012.
La canzone dell’amore finito per antonomasia: un sacco di tristezza che si intreccia alla vaga speranza di ritrovarsi un giorno, forse.

Maybe the days we had are gone
Living in silence for too long
Open your eyes and what do you see?
No more laughs, no more photographs

Infatti, solo piantoni.

CONDIVIDI

Da biologa pentita, procedo in direzione contraria al buon senso e mi rifugio a Milano per studiare Scienze della Comunicazione, dopo anni di vagabondaggi alla ricerca della pace interiore. Così, la riscopro nella Tequila, nei concerti al Magnolia, nelle canzoni coi finali tristi, nelle newsletter di Rockit e nelle pagine del Rolling Stone. Adoro ossessivamente X-Factor e odio il fatto che Sanremo coincida con la sessione invernale.
Commento
  1. Davide

    Una buona playlist però credo manchino, tra le altre, "Malinconia d'ottobre" di Lucio Dalla e "Verranno a chiederti del nostro amore" di Fabrizio De André. Semplice parere! ;)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti alla niusletter e resta aggiornato

TORNA
SU