La storia d’Italia in 16 canzoni

di

15. Vasco Rossi – Il mondo che vorrei

Il duemila passa, la storia italiana sembra ripetersi e perpetuare le sue mille contraddizioni e contrapposizioni, laici e cattolici, comunisti e anticomunisti, capitalisti e no global, leghisti e terzomondisti, innovatori e conservatori.

La musica indie nostrana, invece, si arricchisce di nuove leve e nuovi suoni, continua a raccontare le miserie della vita quotidiana e le storture della modernità, tra slanci universalistici e sguardi introspettivi, e se è pur vero che cuore e amore non fanno più coppia fissa nei testi, molta produzione è ancora imperniata su coppie in crisi, innamoramenti nostalgici o rabbiosi e problematiche relazionali.

Ho fatto un po’ di fatica a scovare qualcuno in grado di tratteggiare il periodo storico più recente con lucidità e chiarezza. E poi, mi chiedo, quale aspetto più di altri – o assieme agli altri – caratterizza questi anni italiani? La precarietà, la fluidità, la smaterializzazione, la virtualità, l’edonismo, la rottamazione? Il tramonto definitivo dei valori solidaristici o la loro rinascita? La crisi economica che diventa crisi sociale e generazionale o la crisi economica che se ne sta andando?

E se fosse un vecchio rocker un po’ imbolsito e tutt’altro che indie a cantare questa confusione, questo smarrimento? Il mondo che vorrei (2008) di Vasco Rossi è un inno all’incompiutezza, al “vorrei ma non posso”, alla rassegnata constatazione che sulla nostra strada e lungo la nostra storia incontriamo e incontreremo limiti e ostacoli al raggiungimento dei nostri traguardi.

Un senso di nostalgia e cupezza avvolge il pezzo; due versi su tutti esprimono il disorientamento e l’insoddisfazione che accomunano molti, giovani e non più giovani,

ed è proprio quando arrivo li che già ritornerei, ed è sempre quando sono qui che io ripartirei

Nella migliore tradizione di Vasco il mirino è puntato su tutti e su nessuno, vittime e carnefici si confondono, le invettive si urlano al cielo e mai a qualcuno o qualcosa in particolare. Ma proprio per questo, a mio avviso, Il mondo che vorrei è perfetta e universale.

Canzoni Italia: la playlist della Repubblica

Segnala un errore

Sociologo, assegnista di ricerca presso l'Università di Padova. Si occupa di politiche sociali per l'infanzia, famiglie vulnerabili e cittadinanza attiva. Ama la musica rock e i cantautori e ne scrive mescolando ricordi, sensazioni e aneddoti.

3 Comments

  1. Grazie! Ci fa piacere sapere che gli articoli vengano apprezzati anche fuori dai nostri confini, buon lavoro e buone letture!

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi

pandemia e cultura

E chi lavora nel mondo della cultura?

Musica, teatro, cinema e danza sono stati duramente colpiti dalla pandemia. Con quali conseguenze sulle persone che in questi settori lavorano?
ghayath almadhoun

Ode alla tristezza di Ghayath Almadhoun

Pubblichiamo un testo tradotto da Pina Piccolo del poeta siriano-palestinese-svedese Ghayath Almadhoun. Un punto di vista necessario sull'Europa.
Cosa facciamo Le Nius informazione

Cose che cambiano a Le Nius

Il post in cui condividiamo le nuove linee che sono alla base di ciò che proponiamo su Le Nius: ci occupiamo soprattutto di temi sociali e vogliamo farlo con la partecipazione dei nostri lettori e lettrici.
Torna su
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: