Birra artigianale a Como: al Birratrovo con Umberto Benini

di
birra artigianale a como
@QuinnDombrowski

Il viaggio con il Birrofilo Anonimo dietro le quinte della birra artigianale lascia Roma, dove abbiamo incontrato Manuele Colonna al Ma che siete venuti a fa’, per uno dei primi beershop aperti nel nord Italia e un vero e proprio punto di riferimento per la birra artigianale a Como. Entrando al Birratrovo (Como, via Carducci 3), vi colpiranno due cose: gli alti scaffali pieni di bottiglie e Umberto che, da dietro il bancone, domina la scena come un consumato attore nel suo piccolo teatro.

La storia del Birratrovo ormai è lunga, ma ancora di più lo è quella di Umberto, che ha avuto il colpo di fulmine per la birra artigianale incontrando l’Abbaye de Bonne-Espérance in un lontano bar della stazione di Portogruaro nel 1982, dolce consolazione agli obblighi di leva… E se da un lato la sua passione poteva crescere grazie alla frequentazione dei beershop di Milano, dall’altra la crisi lavorativa del settore discografico in cui aveva lavorato per 25 anni spingeva Umberto a mettere la birra artigianale al centro della propria attività.

Ed è così che ebbe la possibilità di rilevare il Birratrovo, che già esisteva – piccolissimo e per un’intuizione forse troppo precoce – in via Paolo Giovio. Nel 2007 Umberto subentrò nella gestione e successivamente, dopo la positiva e crescente reazione del pubblico, riuscì non solo a spostare il negozio in uno spazio più ampio, ma anche a introdurre la mescita, beershop tra i primi a farlo e ancora tra i pochi che ce l’hanno.

In questi anni il percorso è stato lungo, ma sempre aggiornato sulle novità nel mondo degli appassionati birrofili italiani: in un primo corso di degustazione organizzato dall’Abbazia di Sherwood, pub di Caprino Bergamasco, è nato l’amore per birre inglesi e, ricorda, «le IPA erano la novità nel 2006-2007!».
Solo in un secondo corso è arrivato l’incontro con le birre artigianali italiane: due nomi tra tutti Tipopils e Viæmilia. Tuttavia, la vera svolta sulle italiane è stata grazie a Toccalmatto e alla sua Zona Cesarini che, oltre a convincere Umberto, ha conquistato anche i ragazzi che frequentavano il Birratrovo.

Birra artigianale a Como: al Birratrovo con Umberto Benini

Birra artigianale a Como Umberto Birratrovo
@Maddalena Vaccaro

Ma quanto conta l’opinione e l’educazione dei giovani nel proporre, continuamente e con innumerevoli varianti, una bevanda alcolica, a volte anche tanto “condannata”? Per Umberto molto, «perché i ragazzi vogliono provare, sono interessati, interrogano e si interrogano». E, mentre lo dice, si coglie bene come questo punto per Umberto sia un elemento di continuo confronto nella scelta dei prodotti da mettere al bancone e sugli scaffali, ma anche nel rapporto con i suoi fidi collaboratori.

La relazione di Umberto con il mondo della birra artigianale in Italia passa da Fermento Birra e Cronache di Birra, fondamentali per restare in contatto con i colleghi e per restare continuamente aggiornati. E il rapporto con l’estero non è meno importante. Anche in questo “Umbe” ha una visione tutta sua: Inghilterra, Inghilterra e ancora Inghilterra. Che tradotto vuol dire birra inglese a spina o a pompa, festival del Camra per conoscere le real ale e calcio… però non nominategli l’Arsenal!

Ma in sostanza, con questo panorama così ampio, quali birre ti porteresti nella tomba? La risposta di Umberto non può che strappare un sorriso a quelli che conoscono il soggetto : «Essendo romantico, porto l’Abbaye de Bonne-Espérance, ma non la tocco e la tengo lì. Poi la Zona Cesarini, per il successo del locale e per quello che devo al locale. Infine Kernel e Marble, sia inglese che americana».

Ecco, ora che sapete chi avete di fronte, non vi resta che ordinare una birra per sopravvivere alla serata!

Como, come arrivare

Se usate i mezzi, il treno è il migliore per raggiungere Como: sulle linee Nord scendete a Como Borghi se volete arrivare a ridosso del centro o al capolinea di Como Lago se volete arrivare nel cuore della città. Sulle linee ferroviarie dello Stato c’è la fermata Como San Giovanni, ma a piedi resta un po’ più distante (10 minuti circa).

Como, cosa visitare

Vicinissima alla stazione di Como San Giovanni c’è la chiesa di Sant’Abbondio: imponente edificio romanico, dominato dalle altissime torri, è una testimonianza dei contatti che il Nord Italia ebbe con l’Europa transalpina e l’Impero germanico nell’XI secolo, una rete a così ampio raggio che la globalizzazione è nulla al confronto!
In centro città potete visitare il Duomo e curiosare tra le opere di alcuni dei migliori artisti lombardi dell’età moderna, quali Bernardino Luini, Gaudenzio Ferrari e Giovanni Angelo del Maino.
Se invece prediligete il contemporaneo, tenete d’occhio la chiesa (sconsacrata) di San Pietro in Atrio (Via Odescalchi, 3): non è improbabile che vi troviate allestita una mostra temporanea che sicuramente vi stupirà nel contrasto tra storia e modernità più attuale.

Segnala un errore

Alla passione per l'arte e l'iconografia unisce quella per la storia e la cultura umanistica, con competenze che cerca quotidianamente di trasformare in un lavoro socialmente riconosciuto... Non riuscendoci sempre, mantiene vive le sue passioni grazie a viaggi ed esplorazioni culturali, spesso in compagnia del fidanzato cuoco, che l'ha condotta sulla (cattivissima) strada del buon cibo e delle birre artigianali.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi

abitudini alimentari degli italiani

Quali sono le abitudini alimentari degli italiani?

Le scelte alimentari ci raccontano storie di famiglie, di migrazioni, di cambiamenti nel tempo, di identità culturali: quanto spendono gli italiani per mangiare? Dove mangiano? Fanno colazione? Guardiamo ai dati Istat per saperne di più.
Cosa facciamo Le Nius informazione

Cose che cambiano a Le Nius

Il post in cui condividiamo le nuove linee che sono alla base di ciò che proponiamo su Le Nius: ci occupiamo soprattutto di temi sociali e vogliamo farlo con la partecipazione dei nostri lettori e lettrici.
Torna su