Barcellona, no Messi no party

di

barcellona-lunedì del tifoso

Pare un po’ la scoperta dell’acqua calda, ma forse giornalisti e critici se l’erano dimenticati. Senza Messi il Barcellona non va. I risultati parlano chiaro, e dicono che senza il giocatore più forte al mondo i blaugrana non possono permettersi di abbassare la guardia, altrimenti arrivano le batoste.

Due sconfitte nelle ultime due trasferte consecutive – con l’Ajax in Champions per 2 a 1 e con il Bilbao nella Liga per 1 a 0 – ed ecco il buio. Se in Champions la qualificazione è ormai al sicuro, nella Liga gli uomini di Martino cadendo nella basca Bilbao vengono agguantati in testa alla classifica dall’Atletico Madrid, vera rivelazione di inizio stagione, e riducono a 3 punti il vantaggio sul Real Madrid.

Cosa succede? Bisogna preoccuparsi? Tranquilli non si può stare. Stanno emergendo i soliti difetti difensivi, che la campagna acquisti ha chiaramente ignorato non comprando un centrale all’altezza di poter sostituire o far rifiatare Piquè o Mascherano; Neymar non brilla, si accende a intermittenza, è spesso fumoso e non pare assolutamente in grado di sopperire all’assenza di Messi. C’è qualcuno al mondo in grado di farlo, per caso?

Iniesta pare poco motivato, triste, non riesce più a trascinare i compagni o ad accendere la luce. Ci sarebbe da dire altro ma forse non è giusto neanche infierire ed esagerare con le critiche, del resto si è ancora primi ovunque: ma la sensazione è che Neymar non sia Bale, per chi vuole intendere, e che Leo Messi già manchi maledettamente ai blaugrana. Anche se è assente da sole 3 partite.

Immagine| El Mundo Deportivo

Segnala un errore

Psicologo-psicoterapeuta, da adolescente sognavo di girare il mondo facendo il giornalista dello sport più bello del mondo, il calcio ovviamente, poi sono cresciuto. Eppure eccomi qua!

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi

Higuain, io sono già fortunato

Perché può arrivare, restare, partire chiunque. Noi siamo nati a Napoli, e chi pensa sia poco dovrebbe pensarci meglio.
Torna su