Le regole per stare in forma: le associazioni alimentari4 min read

30 Gennaio 2017 Cucina -

Le regole per stare in forma: le associazioni alimentari4 min read

Reading Time: 3 minutes

Privarci del gusto e del piacere di mangiare con l’intenzione di dimagrire è abbastanza inutile. Ne abbiamo già parlato molte volte e anche qui, spiegando che a mangiare poco o niente il metabolismo rallenta e in realtà non si dimagrisce. Semmai, si perde del peso che equivale alla perdita di massa magra (muscoli) e non di quella grassa. Con il conseguente effetto che appena riprendiamo a mangiare quantità di cibo superiore tendiamo ad assimilare tutto e a prendere del peso inutile.

Tra le cose importanti per mantenere la linea bisogna imparare a fare le giuste associazioni alimentari che, in effetti, possono influire più di quello che crediamo sulla nostra dieta e sulla nostra salute.

Nella tabella che trovate in fondo all’articolo sono riportate le associazioni alimentari per gruppi di alimenti e che facilitano l’assunzione dei nutrienti senza appesantire il metabolismo. Ricordiamo che ciò che mangiamo non finisce solo in energia e grasso ma incide in toto su di noi: incide sul nostro umore e potenzia o diminuisce gli effetti delle allergie, per esempio. Per capire come questo sia possibile bisogna capire come funziona il metabolismo.

associazioni alimentari

Come funziona il metabolismo

Il metabolismo è il processo organico con cui i nutrienti vengono scomposti e trasformati per produrre energia, utilizzare le sostanze utili, bruciare e smaltire ciò che al nostro corpo non serve. Affinché il metabolismo funzioni al meglio è necessario un apporto nutrizionale sufficiente e soprattutto corretto. E non è una novità. La scelta degli alimenti è importante, ma lo sono altrettanto le associazione che facciamo tra questi nel nostro piatto. Vediamo in seguito alcunti piatti tipici estivi (e non solo) che spesso crediamo leggeri o addirittura detox e che invece non lo sono.

Le classiche ssociazioni alimentari che sono da evitare

Pomodoro e mozzarella, il piatto tipico è la caprese. Si tratta di un piatto molto estivo che per quanto possa considerarsi un pasto leggero tuttavia nasconde delle insidie. L’associazione alimentare del pomodoro con la mozzarella non facilita il dimagrimento infatti. Pensiamoci un attimo alla ricchezza di nutrienti e la quantità di sali minerali di questo piatto che ha una marcata azione antidiuretica. Stiamo parlando di un piatto che favorisce la ritenzione dei liquidi e il conseguente gonfiore generalizzato. Molto meglio associare ai latticini delle verdure cotte.

associazioni alimentari da evitare

Prosciutto crudo e mozzarella è un’altra associazione poco amica della linea. La differente tipologia di proteine, quelle del prosciutto e quelle del latticino, interferisce sulla funzionalità metabolica rallentandola. L’organismo con questo piatto è molto impegnato a digerire queste proteine di diversa natura, ostacolando il lavoro metabolico. Molto meglio, durante la stagione calda, associare il prosciutto crudo al melone o al cetriolo o semplicemente al pane.

Dimagrimento, attività metabolica, processi digestivi, sono strettamente collegati. Per non impegnare troppo i processi digestivi, non pregiudicare l’attività metabolica e favorire il dimagrimento non bisognerebbe associare nello stesso pasto tipi diversi di proteine (no prosciutto e mozzarella), o di carboidrati (no alla pasta e patate), o di verdura cotta (no al minestrone!) e di frutta (no alla macedonia di frutta). Di ogni genere sceglierne un solo tipo, insomma.

Restrizione sulla verdura, addirittura? Eh già. Gli ortaggi sono un concentrato di sali minerali che nella cottura si cristallizzano e si aggregano producendo un effetto antidiuretico. L’insieme di verdure cotte diverse nello stesso pasto non aiuta a dimagrire ma chi l’avrebbe mai detto?

Queste che vi ho illustrato sono solo alcune delle associazioni alimentari che mettono in difficoltà l’organismo e nello specifico il metabolismo, interferendo sul peso­forma. Vi state chiedendo allora come associare i cibi al meglio? Un esempio? Alpesce sarebbe preferibile associare la verdura cruda invece di quella cotta. Mangiate formaggi? Allora dovreste ricordarvi che è consigliabile associare il formaggio ad un contorno di verdura cotta e non con verdure crude, perché ne facilità la digestione e il transito intestinale.

Al prossimo articolo per parlare di cosa sia la alimentazione naturale e la Bionutrizione, intanto guardate la seguente tabella.

ALIMENTI

ASSOCIAZIONI SI

ASSOCIAZIONI NO

CarneCarboidrati (pane, pasta, riso, patate, orzo, polenta…)

Uova

Verdura cruda

Verdura cotta

Frutta

Pesce

Formaggio

PesceCarboidrati (preferibilmente riso e patate)

Uova

Verdura cruda

Frutta

Carne

Formaggio

Verdura cotta

UovoCarne

Pesce

Formaggio

Legumi

Carboidrati

Verdura cruda

Verdura cotta

Frutta

FormaggioVerdura cottaCarne

Pesce

Verdura cruda

Verza

CarboidratiCarne

Pesce

Uova

Verdura cruda

Verdura cotta

Altri carboidrati
LegumiCarboidrati

Verdura cruda

Verdura cotta

Frutta (salvo meteorismo)

Cavolo cappuccio e verza
FruttaCarne

Pesce

Uova

Verdura cruda

Verdura cotta

Verdura crudaCarne

Pesce

Uova

Legumi

Carboidrati

Verdura cotta

Frutta

Pomodoro

Formaggio

Verdura cottaCarne

Uova

Formaggio

Legumi

Carboidrati

Verdura cruda

Frutta

Pesce

 

CONDIVIDI

Naturopata esperta di bionutrizione, scrivo di buona alimentazione, quella per cui non è necessario privarsi del piacere di mangiare al fine di raggiungere e mantenere il peso-forma e star bene. L'alimentazione può condizionare l'umore, la concentrazione, la resa energetica, fisica e mentale. Mangiare bene significa mangiare meglio ;-) Mi trovate anche sul mio blog.
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

TORNA
SU