Amici 15 serale prima puntata: novità a effetto Zero e Saviano7 min read

12 Aprile 2015 Cultura TV -

Amici 15 serale prima puntata: novità a effetto Zero e Saviano7 min read

Reading Time: 5 minutes
amici 15 serale

Come ogni anno, le urla dei fans aprono il serale di Amici 15 e l’inquadratura dall’alto sullo studio dà il benvenuto alla regina dei reality, Maria De Filippi.

Amici 15 prima puntata serale

In totale assenza di formule d’apertura, Maria fa entrare sul palco le due squadre e i relativi coach, Emma Marrone per i bianchi ed Elisa per i blu. I ragazzi prendono posto e Maria chiama i giudici della nuova edizione di Amici; come l’anno scorso sono tre, a cui si aggiunge durante la puntata un quarto giudice, un personaggio diverso per ogni serale.

La giuria fissa è composta dall’affezionata Sabrina Ferilli, da Francesco Renga e da Renato Zero che, a quanto pare, si sente incredibilmente a suo agio col pubblico giovanile di Amici.

Per chi non conoscesse le regole del gioco, la procedura è semplice: la gara si divide in due manche diverse, ognuna di queste consta di 5 prove ed un’eliminazione parziale. Alla fine di ogni manche la squadra vincente sceglie il candidato da eliminare nella squadra opposta; i due ragazzi eliminati si troveranno poi a dover affrontare un ballottaggio, dove solamente uno dei due avrà la possibilità di rientrare in gara.

Semplice, no? Ma veniamo alla puntata di stasera. Il classico “bim bum bam” che determinava quale dei due coach avrebbe cominciato il gioco, è stato rimpiazzato da una sfida culinaria: ad Emma ed Elisa vengono consegnati due grembiuli ed il compito di cucinare il perfetto uovo al tegamino. E chi meglio del meno amichevole dei giudici di Masterchef come giudice? è appunto Carlo Cracco che decreta Emma vincitrice, il suo uovo al tegamino è incredibilmente preciso.

Prima manche

Da veterana del gioco (era già stata coach in un’altra edizione di Amici) Emma sceglie di far cominciare la gara alla squadra blu. Questo le garantisce un vantaggio: vista l’esibizione dei blu, potrà decidere con quale arma batterli. Così non è: nella prima prova Elisa schiera i The Kolors, l’unica band in gara. La gara parte col botto e i giovani del gruppo si guadagnano il voto positivo dei giudici nonostante un’esibizione carica di pathos dell’avversario, il ballerino Christian, di Emma.

Se le esibizioni ci sembrano tanto spettacolari, il merito va al direttore artistico Giuliano Peparini, che cura scenografie e coreografie di tutti i pezzi proposti, assicurando uno spettacolo continuo, emozionante da qualsiasi punto della scena lo si guardi.

La terza prova prevede il giudizio del giudice-ospite, il quarto. Video di presentazione, il led si apre e con un boato generale entra in studio Biagio Antonacci. Il suo voto rimarrà segreto fino alla fine e sarà decisivo per stabilire le squadre vincitrici.

Elisa schiera un duetto con ospite, interpretato da Paola e dal grande Gianni Morandi, un altro affezionato alla trasmissione. Il pezzo che ci portano è toccante, familiare ma anche molto criticato dai giudici, che ne discuteranno per tutta la durata dello stacco pubblicitario.

Anche Emma sceglie il duetto con ospite, Davide, Valentina e i Modà. Entrambe le esibizioni sembrano riuscite bene, ma Renato Zero si acciglia e decide di confrontarsi da vicino coi coach. Non si capisce bene se i ragazzi dovrebbero o no impuntarsi e ribaltare le decisioni dei loro direttori artistici qualora non gli stia bene interpretare un determinato pezzo. La soluzione è semplice: se i direttori artistici ci sono è bene seguirli. Ad ogni modo Renato si sente agile e si sposta da un lato all’altro dello studio, provando praticamente tutte le poltrone, cosa che ci si aspetterebbe forse più dalla Ferilli.

Deformazione professionale della Ferilli, si sa.

C’è da dire che di dibattiti nel primo serale di Amici 15 ancora non se ne vedono e la gara scorre piuttosto rapida. Quarta e quinta prova portano la vittoria alla squadra bianca e al primo eliminato che è Luca, che lascia momentaneamente lo studio per fare entrare, dopo di lui un’ospite inaspettata. Maria la introduce come Belen Rodriguez, ma in realtà è la bravissima Virginia Raffaele, che gioca con Maria ad una breve intervista in onore dell’inizio del nuovo serale di Amici 15. L’imitazione è impeccabile e almeno l’atmosfera in studio si alleggerisce un po’.

Seconda Manche

I The Kolors ci regalano una prova fresca e divertente. Stash, il cantante, si lancia in un balletto: diciamo che apprezziamo l’impegno per lo meno, ma il pezzo funziona e la squadra avversaria si alza in piedi per applaudire. Forti applausi anche per la risposta della squadra bianca, Valentina ha una voce potente che nel nostro Paese è davvero raro sentire, sostiene Renga.

Nella terza prova i ragazzi guardano soltanto. Eh si, la sfida è tra i direttori artistici, su un tributo al caro Lucio Dalla. La canzone interpretata da entrambe è Caruso, ma le versioni sono molto diverse tra loro.

Novità dell’edizione Amici 15

La “Novità dell’edizione”, non poteva non esserci ovviamente, si chiama Magic Ball. Si attiva nel caso in cui ci sia un punteggio come il 3 a 0 (e qui poco casualmente c’è) e giocare la Magic Ball permette allo svantaggiato di usufruire di una prova con la quale tentare di ribaltare il risultato e completamente. Solo però in caso di voto positivo e unanime da parte della giuria. E la palla dov’è?

In realtà sono due, non scherzo, una dorata e una nera: con quella dorata si accetta la prova, con quella nera la si rifiuta. Per fortuna Elisa rifiuta e la palla magica, almeno per questa puntata, svanisce.

Gossip time

Siamo quasi alla fine della puntata e qualcosa mi manca. A che strano, ancora non ci hanno parlato di storie d’amore tra i ragazzi!

Non fatevi prendere dall’ansia, ci pensa la quinta prova. Elisa schiera la sua ballerina Virginia, che guarda caso si trova a doversi esibire in una prova di ballo, che tanto le ricorda l’ex ragazzo Christian, anch’esso allievo della scuola. Per gli amanti del gossip che ancora non lo sapessero: Virginia e Christian stavano insieme da prima dell’entrata all’interno della scuola. Durante la prima fase del programma però, Virginia si fa distrarre dai languidi sguardi di un’altro allievo, che si ritirerà dopo poco tempo per il troppo “stress”. Virginia e Christian interrompono la loro storia ma sono costretti a convivere nella stessa scuola dal loro destino di amici di Maria. Ora, chissà perché, la redazione affida ai ragazzi dei pezzi che ricordino loro questo passato ménage à trois. L’emozione scatenata dagli sguardi di Virginia verso Christian funziona durante la sua esibizione e la sua squadra, la blu, si aggiudica la vittoria. Davide, della bianca, è candidato all’eliminazione. E proprio mentre attendiamo di sapere chi dei due se ne deve andare (Davide o Luca?) Maria organizza un intervento del tutto fuori dal contesto, un intervento che spiazza un po’ tutti.

Un inatteso Roberto Saviano

Entra in studio Roberto Saviano. Si rivolge ai ragazzi, gli parla di informazione, del farsi un’opinione, del prendersi tempo per capire, di non seguire sommariamente ciò che i social network ci passano per vero. Parla di immigrati che hanno la loro stessa età ma storie di vita a tratti inverosimili. Il suo è un grande invito a riflettere su argomenti che conosciamo bene tutti, ma di cui la maggior parte non si cura più di tanto. L’intervento è chiaro conciso ed anche emozionante, ma si discosta molto dallo spirito della serata. Lo studio di Amici forse non è il luogo più azzeccato per sensibilizzare i ragazzi su certe realtà, ecco.

Potrebbe diventarlo? Il potere di Amici e di Maria si sta svelando in questi anni come insospettabilmente tenace, in grado di ribaltare opinioni e inserire ospiti inattesi.

La gara riprende e a rimanere con la sua squadra è il cantautore Luca, dei blu. Davide ringrazia semplicemente, certo dire qualcosa di sensato dopo l’intervento di Saviano è difficile.

CONDIVIDI
Noemi Mengo

Ho 21 anni, troppi capelli ed una biografia piuttosto filiforme. Ho passato la mia infanzia in un desolato paese sul Lago Maggiore, sono curiosa, adoro ballare e vorrei fare talmente tante cose nella vita che le inizio tutte ma non ne finisco una. Ora vivo a Verona, dove studio Lingue e Culture per l’Editoria, facoltà che ho scelto perché ancora devo capire bene per cosa sia più portata, se parlare oppure scrivere.
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

TORNA
SU