10 cose che abbiamo imparato dal caso Grecia in Europa3 min read

15 Luglio 2015 Europa -

10 cose che abbiamo imparato dal caso Grecia in Europa3 min read

Reading Time: 4 minutes
10 cose che abbiamo imparato dal caso Grecia in Europa
@zimbio

1. I Tedeschi sono tedeschi

La posizione della Merkel e di Schäuble nei confronti della Grecia è rimasta praticamente ferma nel corso di tutto il negoziato. Rigore ed austerity non sono mai stati messi in discussione dai veri leader d’Europa, la loro fermezza è apparsa a tratti inquietante, tanto da far evocare, ad alcuni commentatori, pesanti paragoni col passato nazista e prussiano.

CONDIVIDI

Quest'anno ho fatto il blogger, il copywriter, il cameriere, l'indoratore, il web designer, il dottorando in storia, il carpentiere, il bibliotecario. L'anno prossimo vorrei fare l'astronauta, il rapinatore, il cardiochirurgo, l'apicoltore, il ballerino e il giocatore di poker prof.
4 Commenti
  1. dav1de

    Il Fondo Monetario propone di tagliare il debito dopo aver boicottato per settimane tentativi di accordo. Suona perlomeno strano.

  2. francorox

    Articolo a dir poco fuorviante. L'autore, ma è uno fra i tanti, spara a raffica su tutto e tutti senza metodo e struttura d'indagine. Quello che ho imparato io dalla crisi greca è che c'è un sacco di giornalisti, blogger, economisti, populisti et simili che pur di macinare notizie sono disposti a calpestare il rispetto di chi adesso sta soffrendo.

    • dav1de

      In che senso fuorviante?

    • Fabrizio Pedone

      Il mio pezzo non aveva l'ambizione, ovviamente, di essere esaustivo o di dire l'ultima parola sulla crisi greca. Nello "sparare a raffica su tutto e su tutti" ho evitato, come certa stampa ha fatto, di colpevolizzare il popolo greco proprio per salvaguardare la dignità di chi adesso sta soffrendo. D'altro canto resto convinto che se quel popolo adesso soffre è anche e sopratutto perché quelli (tutti) che avrebbero dovuto fare in modo che ciò non accadesse hanno fatto male il loro lavoro, e si debba riconoscere loro (ovviamente in misure differenti) una quota di responsabilità. A meno di non credere, ovviamente, che il torto stia tutto da una parte e la ragione dall'altra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti alla niusletter e resta aggiornato

TORNA
SU